Stampa
15
Dic
2009

GENOA E SAMPDORIA IL PUNTO DOPO LA 16ma GIORNATA

Pin It

La sedicesima giornata racconta che alla ribalta   non ci sono le Regine e i Principi del campionato ingoiate dalla Champions League, ma ci sono “rospi” baciati dalla mancanza del giuoco altrui  ,  che salgono sulla carrozza Europa.
Il Campionato 2009/2010  è poco elitario.
La 16ma giornata di campionato è diversa:, un godimento solamente per la
classifica:   un salto verso il basso.
Le Regine mancanti all’appuntamento  sono:  Inter che pareggia con l’Atalanta, il Milan che perde in casa contro il Palermo, e soprattutto la Juventus, che è rimasta , solo di Ferrara,  che perde contro il Bari.
L’unico Principe a resistere è il Parma che consolida il quarto posto, mentre Samp e Roma pareggiando si mantengono a corte.
Il rospo brutto   è il Genoa, e i rospi   belli il Chievo e Bari che hanno approfittato della discesa dalla Carrozza di Fiorentina e Juve.
A 24 punti in classifica le deluse Fiorentina e Genoa vengono affiancate da Chievo, Bari e Napoli.
Tra le prime dieci della classifica vince solo il Parma, e se vincono sei della parte destra della classifica(Palermo, Bari, Siena, Livorno , Chievo, Palermo e Lazio),  vuol dire che questo è un campionato aperto  tutti i risultati.
9 squadre in 2 punti  fanno impazzire  gli scommettitori,  perché  l’incertezza dei risultati è  troppo ballerina.
Le tre grandi Inter Milan e Juventus fanno un punto, e sono la foto di questo campionato dove  manca il giuoco, e quello che ho raccontato fino alla riga precedente ,   non è una favola.
L’ Inter  pareggia Bergamo ma muove la classifica, Mou è l’unico allenatore ad avere veramente un Principe del gol alla sua corte: Diego Milito.
Il Milan al  samba di Leonardo perde, finendo l’effetto novità tattico,  contro il pressing del Palermo.
A  S.Siro dopo 3 settimane di lavoro il Palermo   ha fatto vedere   la mano di Delio Rossi ,tecnico dei rosa nero siciliani,  troppe volte dimenticato dalle cronache patinate del calcio italiano.
La Fiorentina dalla vittoria di Liverpool alla sconfitta contro un quartiere di Verona, il Chievo si interroga  sulle potenzialità della sua squadra che dopo le gare di Champions diventa viola.
Ferrara della Juve  sotto assedio.
Prima  della gara con il Bari aveva minacciato di possedere  un  Libro nero dei suoi critici,  dimenticandosi che nel calcio prima di aprire la bocca bisogna contare almeno fino a 18 e non a 3. 
Dopo  la gara al S. Nicola tutti  hanno  sottolineato il suo nome in rosso nel libro del Campionato: Ciro Ferrara   non è  riuscito   a dare un giuoco alla vecchia Signora dopo 16 giornate di campionato, pur avendo come tutor Lippi.
Juve tutta nera,  per il bianco serviranno altri Calimeri durante la campagna acquisti  invernale . 
Il Bari è una sorpresa relativa di questo campionato.
Ventura il tecnico di Cornigliano fa buon calcio, inventa una difesa contro la Juventus, dà una lezione a Ciro che ha capito di non essere più sull’Isola dei famosi. La forza del Bari è Ventura, che all’apice della carriera è diventato un santone calcistico,    prima della gara con la Juventus ha ribadito:  di allenare per libidine e di aver già battuto due volte la Juventus, Un  tri e trac psicologico , non male,  nella testa dei suoi giovani giocatori.
Cagliari -  Napoli triplo  show di gol che accontenta solamente i sardi, l’Udinese in caduta libera lancia il Siena di Malesani e il Catania alla prima di Mihajlovic perde in Sicilia contro il Livorno per un rimpallo cosmico.
Il Genoa continua il suo viaggio tra le squadre terremotate del campionato, e Gasperini dà l’impressione di trasformarsi in un  Bertolaso calcistico proteggendo la rinascita calcistica  di tutte le squadre pericolanti che ha incontrato in queste sedici giornate di campionato.
Il Genoa che  dal Ferraris in trasferta si trasforma, ma solamente contro le squadre pericolanti,  è  un caso da studiare.
Le sconfitte del grifo con le squadre in apnea a differenza delle altre squadre che giocano in Europa è sempre a priori e non a posteriori delle partite che contano.
Allora è  solamente un difetto di concentrazione dei rossoblu la causa delle sconfitte rossoblu ?
Non  ne sono sicuro , se Gasperini alla 16ma giornata di campionato dei nuovi acquisti mette in campo contro la Lazio ,l’ultima rianimata e veramente in coma calcistico, solamente Moretti.
Il difetto del Genoa potrebbe essere strutturale, tutto ben mascherato dall’intelligenza tattica del Gaspe, che a scritto una letterina a Babbo Natale e alla Befana, chiedendo di rafforzare la spina dorsale della squadra  del Vecchio Balordo nella prossima campagna invernale di calciomercato.
La Samp di Nel Neri non esce completamente  dalla crisi psicologica delle ultime settimane   con il punto conquistato contro la Roma, ma riacquista fiducia nei propri mezzi.
La settimana passata tra colpi di “vento”, chiarimenti a bassa voce,  fuori e dentro lo spogliatoio, l’amore dei suoi tifosi hanno  rimesso in moto la macchina blucerchiata. 
La Samp contro la Roma ha ribadito  di essere Cassano dipendente nel bene e nel male e per non fare altre scivolate ne dovranno tenere conto anche i suoi compagni, sempre,   nel bene e nel male.
Il Campionato è strano e la Samp per uscire definitivamente  dalla sua crisi deve fare un’ esame non di coscienza , ma capire che,       se su sette gare di campionato(21 punti) ha collezionato 5 punti in classifica  ed è a – 3 dalla zona Champions , può succedere di tutto nel campionato 2009/2010.