Stampa
30
Ott
2010

GENOA INTER 0 A 1 SCHERZETTO DI EDUARDO

Pin It

Genoa Inter 0 a 1 . Halloween rossoblu. Un dolcetto la partita dalla squadra di Gasperini,  uno scherzetto il  gol incassato dal portiere Eduardo al 48’ del primo tempo. Il Genoa ha fatto , ha comandato,  la partita per tutti i 100’ minuti di giuoco(3 minuti nel primo tempo e 7 nella ripresa il recupero).
Gasperini  il tecnico del Genoa ha studiato bene tatticamente la partita mettendo in soggezione Benitez per tutta la gara e neanche la “paperata” di Eduardo ha messo in crisi il sistema tattico del Genoa nel secondo tempo.
Per inquadrare l’incontro bastano le parole del Presidente Preziosi al termine della partita ai microfoni di Radio Nostalgia: “Inter vergogna. Vogliono vincere ma si comportano come una provinciale, hanno perso tempo in modo quasi scientifico, le sceneggiate in campo dei grandi campioni sono state uno schifo”.
Avevamo   presentato la partita   con queste frasi  alla vigilia: “Gasperini ha preparato la gara per avere una squadra corta per facilitare in fase difensiva la collaborazione tra i giocatori con pressing e raddoppi, non concedere marcature blande  e lasciare campo agli avversari,  cercando di infilarli con ripartenze veloci “ ,  il film di Genoa Inter.
Gasperini per l’ennesima volta ha avuto ragione quando predica che i numeri tattici e il sistema di giuoco sono relativi e in campo  contano solamente :   impostazioni individuali, marcamenti, inserimenti, combinazioni di giuoco con pallone e senza.
L’arbitro Banti di Livorno ha fischiato poco , seguendo il  “Vangelo arbitrale” di Collina capo degli arbitri Europei, ma non può disciplinarmente non usare i cartellini
in   modo congruo ed uniforme.


Pesante il cartellino  a Milanetto in diffida, perdonati Zanetti e Samuel rei di  due entrate da dietro.
Altro errore del direttore di gara livornese aver permesso  su 52’  di giuoco a cronometro    nel secondo tempo,  aver concesso  all’Inter, senza ammonire nessuno, di trastullarsi con un tempo effettivo di 23’ partita.
Eduardo, istintivo .basta vedere le parate contro Ricchiuti del Catania e quella su Biabany contro l’Inter in uscita, ma  sprovvisto di fondamentali e di una scuola che aveva reso famosi i portieri italiani e mancante in Portogallo, dove i portieri eccellenti nel tempo si contano  con le dita di una mano.
La presa di posizione o piazzamento  del portiere rossoblu latita e negli ultimi due mesi con gli errori  tra nazionale portoghese e Genoa anche la sua convinzione vacilla.
Domanda : L’ acquisto di Eduardo è arrivato solamente  per le prestazioni al Mondiale Sud Africano o il portiere del Braga era stato seguito anche durante il campionato portoghese ?
Il pallone di Eduardo   è caldo,  ed è nelle mani del Prof. Spinelli , il preparatore dei portieri del Genoa;  ma il tempo è tiranno e fare l’”allevatore” e non il preparatore  di un portiere che alla domenica deve giocare in serie A, non è  facile !   
 
  ( LINO MARMORATO)