Stampa
04
Ott
2011

Genoa: Malesani in bilico

Pin It

 altMalesani sotto esame, Malesani in bilico: tutte verità perché nel calcio contano i risultati e se il tecnico sarà in campo alla ripresa, tutte considerazioni che andranno in cantina, almeno fino alla gara con il Lecce. Ieri bisognava fare la cronaca di quello visto a Parma , a mente fredda,oggi

avremmo dovuto riflettere sull’esonero di Malesani, che potrebbe succedere . Malesani con il Genoa a 7 punti in classifica, con due gare giocate in casa e tre in trasferta di cui una vinta e due perse con avversari alla sua portata ed avendo cambiato molto durante l’estate, con Milan ed Inter alle spalle , se dovesse battere il Lecce, nessun miracolo, andrebbe in zona Europa a 10 punti e Preziosi non farebbe una buona figura a licenziare il tecnico , dopo averlo seguito da molto tempo.

Malesani, anarchico quanto basta , è il più amareggiato del Genoa visto al Tardini e si prenderà le sue colpe , per essere stato troppo aziendalista, anche se nessuno gli aveva mai chiesto la zona Champions, mettendo in campo calciatori impresentabili e di conseguenza un Grifo inguardabile. Malesani vuol capire se è solamente il caldo a bloccare Kucka. La speranza è si ! Lo slovacco non aveva mai giocato a 30° in carriera , lo scorso anno arrivò a gennaio; a metà aprile le sue prestazioni calarono. Costant è un altro problema, da recuperare, perché sta ripetendo la seconda parte dello scorso campionato dopo un inizio folgorante con il Chievo. Bovo mai così deconcentrato e Caracciolo, un ingaggio last minut …, gli altri nodi del brutto Genoa, oltre la corsia di sinistra sempre in balia degli avversari, non solo al Tardini di Parma.

La fiducia in alcuni giocatori, fino a quando non saranno nuovamente recuperati è arrivata al capolinea. L’attuale modulo di Malesani è precario perché i suoi mediani sono stantuffi lenti ed oltretutto fuori forma, mancando i raccordi difensivi ed offensivi tutto il Grifone balla contro avversari che ci mettono grinta e corsa. Nella partita contro il Lecce, Malesani , dovrà trovare un assetto tattico che possa fare la differenza e creare superiorità nel mezzo del campo , con quali interpreti e modulo lo decida lui. Malesani inerme a non fare nulla consapevole della superiorità dei ducali a centrocampo e non contrastare il dominio e la superiorità numerica della mediana avversaria è quasi una notizia. Il Genoa a Parma ha ceduto di schianto mettendo in mostra antichi problemi dall’arrivo di Malesani: velocità, pressing e cattiveria agonistica. Le ripartenze in verticale viste in alcune partite sono avvenute solo grazie ai singoli e mai con un giuoco di squadra.

Buon lavoro Malesani, tocca a Lei azzerare qualcosa del lavoro fatto dall’Austria a Parma, ma non tutto e da buttare , aspettando Ze Eduardo. Nell’attesa del Ze Love,è giunto il momento di provare anche altre formule d’attacco senza prima punta: Birsa e Jankovic premono, ma anche Ribas si candida. Ribas , l’uruguaiano che arriva dal Digione autore di 23 reti nel Digione , serie B francese, come Costant lo scorso anno al Chievo, dovrebbe avere una chanche, anche per capire perché è stato ingaggiato e seguito da molto tempo. A proposito di esonero se contro il Lecce si dovesse rivedere il Genoa “Parmacotto” , senza aver prodotto giuoco e tirato varie volte creando occasioni da gol , qualche pensierino sarebbe giusto .( LINO MARMORATO)