Stampa
19
Apr
2012

Genoa: Malesani studia strategie

Pin It

 altLa paura fa 90 fra i genoani e Malesani in questa settimana di ritiro casalingo a porte e bocche chiuse è stato atteso da un importante lavoro per curare energie psicofisiche della squadra rossoblu. Voce amica dal Pio Signorini , meglio precisare

 un Corriere di merci varie, mi ha raccontato dell’allenamento di ieri sbirciato per qualche minuto dal suo mezzo.
Allenamento diciamo “frizzante” con Malesani in cabina di regia che con voce da tenore, durante l’allenamento tattico, non le mandava a dire… a nessuno calciatore. Malesani durante le due conferenze stampa post parte Novara e Cesena oltre ad ammettere lacune sul piano della corsa e di tensione, ha voluto mettere sul piatto della bilancia dei progressi della squadra sulla fase difensiva che appare più solida e compatta e punita con due gol dai due soliti errori di concentrazione che hanno permesso a Mascara e Mutu di prendere la mira ed uccellare Frey con palloni a giro. Malesani, si spera, in settimana dopo aver cercato di blindare la difesa , che abbia lavorato sulla manovra offensiva rossoblu che in entrambe le gare è apparsa fiacca e difficile, raramente si è vista la ricerca della profondità che ha messo ancor più in risalto il forte ritardo di condizione di Gilardino e il girare troppo largo dai 16m. avversari, di Palacio. Il 4 3 3 di Novara e contro il Cesena con i centrocampisti che salivano poco e i terzini che non spingevano contrastarlo per gli avversari solamente con la corsa, è apparso un giuoco elementare: troppi palloni orizzontali e prevedibili.

Contro il Siena , anche non vedendo un allenamento la difesa potrebbe essere già bella che pronta con il debutto del giovane Alashan, con Moretti squalificato ed Antonelli e Costant raccontanti dal sito rossoblu in ritardo di condizione, difficile ad oggi Kaladze in campo dal primo minuto , a centrocampo Malesani avrà i dubbi di tutti i Genoani: schierare o no Veloso ? Anche se il tecnico crede fortemente nel suo recupero. Se giocherà il portoghese Malesani si aspetterà un altro atteggiamento da parte dei tifosi presenti al Ferraris: impossibile giocare per qualsiasi calciatore se ad ogni tocco di pallone si eleva un “brusio” oppure dei fischi al semplice errore. Malesani potrebbe optare per il 4 2 3 1 già programmato prima di Novara, con Veloso in panchina , Biondini e Kucka a fare legna , con Rossi, Palacio (non più isolato sulla corsia laterale) e Sculli a

 

supportare le giocate di Gilardino unica punta. Jankovic potrebbe giocarsi una maglia con il Capitano o Sculli. Se opterà per il 4 3 3 con Veloso, ballottaggio tra Rossi , Sculli e Jankovic per una maglia. In entrambi i moduli il tecnico potrebbe giocarsi, anche in corso di gara, dopo tre settimane di allenamenti intensi , anche Birsa, che nei tre dietro l’unica punta oppure nei tre attaccanti (falsi) in carriera prima di arrivare al Genoa aveva dato il meglio di se . Il Grifo non giocherà con la difesa a tre, tante volte invocata anche dal sottoscritto. Malesani ha ragione, per attuare i movimenti della difesa a tre calciatori , occorre un difensore veloce , ed attualmente il Genoa ne sembra sprovvisto.
Malesani prima di mettere la squadra in campo aspetterà anche notizie da Siena per cercare di capire se Sannino optera per il 3 5 2 casalingo oppure il 4 4 1 1 delle ultime trasferte da quando si è infortunato Calaiò, con D’Agostino finto trequartista alle spalle di Destro unica punta. Genoa Siena diretta da Tagliavento di Terni. ( lino marmorato)