Stampa
06
Apr
2012

Vigilia di Novara Genoa

Pin It

alt Allenamento a porte chiuse al Pio Signorini come in tutte le giornate che precedono gli impegni di campionato.Malesani non blinderà il Pio Signorini , fra tutti i pettegolezzi sul suo esonero, tanto per dire e senza prove, quella che gli ha fatto più male che qualcuno abbia messo in

discussione la preparazione della squadra, anche qui senza vedere nulla, colpa degli allenamenti mattutini e a porte chiuse. Il Malesani bis ha alcune priorità: soprattutto arrivare alla svelta in zona salvezza, cercare di riagguantare la parte sinistra della classifica(obiettivo stagionale), non far fare spettacolo alla rovescia…, ma blindare la difesa, riuscire a far correre tutta la squadra ed rilanciare Veloso e Gilardino , apprezzabile anche per il Joker. Per fare tutto questo in vista della trasferta di Novara sta cercando di caricare la squadra , ma

anche cercato il modulo giusto cercando di far giocare , i calciatori al posto giusto. L’idea del 4 2 3 1 al tecnico di Verona era già venuta nella sua prima avventura al Genoa , ma senza prima punta ha dovuto rinunciare . Ritrovandosi a Pegli Gilardino il tecnico da persona intelligente avrà pensato di modellare la squadra sul bomber di Biella in un ruolo che conosce a memoria avendolo praticato nella Fiorentina di Prandelli della Champions realizzando più di 100 reti dal 2008 al 2010. La Fiorentinadi Prandelli e il Genoa di Malesani bis sembrano fotocopie: Frey sempre in porta, Mesto(Comotto), Carvalho(Natali),Kaladze (Gamberini), Moretti(Pasqual) in difesa, a centrocampo Biondini(Zanetti) Veloso(Montolivo) davanti alla difesa , Rossi(Marchionni), Palacio(Mutu), Sculli(Vargas) e Gilardino.

Un’altra carta importante in questo modulo è Palacio, meno vincolato al recupero difensivo e più vicino all’area di rigore avversaria. Il new modulo di Malesani, se lo metterà in campo al Silvio Piola, obbligherà Veloso a prendersi maggiori responsabilità in mezzo al campo collegando il cervello ai piedi in minor tempo possibili avendo tante opzioni per giocare il pallone. Malesani non vuole mancare gli obiettivi e non vuole avere in questa sua seconda fase genoana troppe incertezza su tattica e uomini da impiegare. Nelle prossime 8 giornate di campionato ci sarà spazio per tutti i giocatori della rosa : nel 4 2 3 1 si sprecano molte energie fisiche per corsa e pressing a tutto campo. La probabile formazione del Grifone a Novara, c’è ancora di mezzo la rifinitura sul sintetico del Piola di oggi pomeriggio potrebbe essere: Frey, Mesto, Carvalho, Kaladze, Moretti, in difesa, Biondini e Veloso davanti alla difesa, Rossi, Palacio, Sculli alle spalle di Gilardino unica punta. Il ballottaggio potrebbe essere tra Veloso e Kucka, ma lo slovacco e Granqvist, reduci da infortuni importanti difficilmente saranno subito buttati nella mischia su di un terreno sintetico.

Da Novara il tecnico Tesser non recupera Paci ed è molto dubbioso se utilizzare il 5 3 2 delle ultime partite. Sembra superfluo giocare con una difesa 5 per una squadra che sul podio con il Genoa avendo incassato 51 reti. Potrebbe tornare all’antico con il rombo . La probabile formazione del Novara . Fontana in porta, Morgniella, Lisuzzo, Centurioni, Gemilit, Porcari, Pesce, Rigoni, Jeda, Caracciolo. Novara Genoa sarà diretta da Rocchi di Firenze, l’ultima per il Grifone la vittoria per3 a2 con il Napoli a fine gennaio.( lino marmorato)