Stampa
24
Feb
2012

Vigilia di Genoa Parma

Pin It

 altSembra quasi tutto deciso a Pegli per la sfida contro il Parma di domani alle ore 18. Marino ha scelto di giocare contro la sua ex squadra a rombo, indipendentemente se schiererà la difesa a tre o a quattro calciatori. Con tre difensori dentro Carvalho, ma

considerati i progressi di recupero di Mesto, che ieri ha svolto tutto il lavoro dei compagni, il tecnico potrebbe scegliere la soluzione a 4 difensori. Con la difesa a tre il centrocampo giocherebbe a 5 giocatori , anzi quattro a rombo, con la difesa a quattro il centrocampo sempre a rombo sarebbe composto da tre giocatori. I pregi e difetti sono tutti da vedere sul terreno di giuoco, importante coprire bene tutti gli spazi ed in particolare contro il Parma le corsie laterali. Il pericolo numero degli emiliani è Giovinco che Marino dovrebbe conoscere bene in particolare quando gioca tra le linee senza dare punti di riferimento. L’unico modo per marcarlo è il raddoppio di marcatura. Importante chiunque giochi e con quale modulo che siano fatte bene con concentrazione in non possesso di pallone : le prese di posizione , il piazzamento, il controllo dell’avversario, l’intercettamento , il temporeggiamento. Situazioni che sono venute a mancare nelle ultime partite, specialmente quelle combinazioni di giuoco basilari di ogni azione collettiva della difesa: un movimento coordinato di almeno due giocatori cercando di ristabilire immediatamente l’equilibrio difensivo perduto: vedi il gol del Chievo di domenica scorsa, oppure i palloni che gli avversari hanno giocato indisturbati, anche nelle altre partite, alle spalle dei nostri difensori.

Per battere il Parma il Genoa dovrà essere aggressivo e molto dinamico, cercare di riconquistare il pallone prima possibile dopo averlo perso, non indietreggiando , ma aggredendo immediatamente la squadra di Donadoni. La probabile formazione del Genoa la rimandiamo dopo la conferenza stampa di Marino di oggi pomeriggio. Il Parma è stato blindato in questi ultimi due giorni dal tecnico Donadoni a Collecchio con allenamenti a porte chiuse. Sicuramente non saranno della partita Palladino, Paletta e Brandao. Pavarini il portiere dovrebbe recuperare per la panchina. Rispetto alla prima sconfitta da quando si è seduto sulla panchina dei ducali, controla Romadomenica scorsa, Donadoni dovrebbe proporre qualche cambiamento. Il ritorno di Floccari, neanche convocato per la trasferta nella capitale, è quasi sicuro, Valiani e Modesto sulle corsie laterali, con Biabiany in panchina, un unico ballottaggio a centrocampo tra Musacci e Galloppa rientrante da infortunio.
Il modulo sarà il 3 5 2 e la probabile formazione potrebbe essere questa: Mirante in porta, Zaccardo, Ferrario(arrivato dal Lecce a gennaio),Lucarelli in difesa, Valiani, Morrone, Musacci, Mariga , Modesto a centrocampo , Floccari unica punta e Giovinco libero di muoversi alle sue spalle. Genoa Parma sarà diretta da Romeo di Verona, l’arbitro che era designato per la partita Atalanta Genoa e dopo sospesa. Nel recupero Romeo ha fatto il quarto uomo .( lino marmorato)