Stampa
27
Nov
2009

GENOA-SAMPDORIA. MENO UNO AL DERBY

Pin It

Gasperini contro la Samp può giocare con vari moduli e tattiche: 3 4 3 , 4 3 3 , e in questo derby non a rombo come nel derby di ritorno dello scorso anno rombo con Milanetto e Thiago .
Per Gasperini conta la scelta di un particolare schieramento che deve determinare il modo di muoversi e occupare gli spazi . Considerato che il 3 4 3 di Gasperini è leggibile da parte degli allenatori avversari, nel derby di andata dello scorso anno  il tecnico rossoblu mettendo in mostra una partita oscena dal punto di vista della qualità, ma capolavoro dal punto di vista tattico, vinse .
Il Genoa, giocò praticamente senza ali , un 5 3 2 che prevedeva: gabbia su Cassano che si apriva con Biava e si chiudeva con Rossi e Milanetto,marcature quasi ad uomo a centrocampo di Thiago a Sammarco vertice basso della Samp, Milanetto e Juric  contro Del Vecchio e Franceschini.
Nel derby di ritorno del 2009 Gasperini mise in soffitta la gabbia per Cassano e il Grifo mettendo in mostra  un gioco sempre dinamico e mai passivo con un pressing asfissiante che partiva da lontano , togliendosi  delle belle soddisfazioni.
Il problema di Gasperini , come nei derby precedenti , non è Cassano, ma quello di non farlo servire con lanci lunghi.

Gaspe per la gara di domani sera ha ancora qualche dubbio.  Innzitutto Juric,  a  24 ore dalla gara, lo diamo al 75% di possibilità di giocare. Un’altro dubbio in difesa tra Bocchetti e Sokratis.
Ma il 101 derby della Lanterna  sembra riproporre per Zasa  Bocchetti gli stessi problemi dell’ultimo derby giocato: prima del 100° derby Bocchetti  prese una bambola con il Bologna, e domenica scorsa si è ripetuto contro il  Livorno:  giocherà Bocchetti .
L’altro ballottaggio sarà in attacco per la punta centrale e potrebbero esserci sorprese non solo nominative ma anche tattiche.
 
Del Neri  contro il Genoa cercherà ,senza Semioli in campo, anche per lui un 75% di possibilità di iniziare la stracittadina domani sera,  di coprire la debolezza della  corsia di destra. Palladino e coloro che si sono alternati hanno dato prova di non fare bene, alla Semioli o ancor meglio alla Maggio,  la fase difensiva e offensiva .
La Samp anti Genoa dovrebbe  essere bella e pronta con l’unico dubbio chi giocherà tra Cacciatore e Stankevicius basso nella difesa a quattro sulla corsia di destra, e il grande dubbio Semioli in campo subito.
Senza Semioli dentro  Padalino, almeno che in gara tutta particolare Del Neri non opti per  Mannini sulla fascia destra  e Franceschini su quella sinistra.
Questa mossa tattica può essere giustificata  perché il primo taglio tattico di Cassano e per Pazzini il secondo per Mannini che si inserisce a destra.
Tattica, tattica, ma come in tutti i derby sarà un colpo .un colpo di tacco,  che varrà di più di tutti gli schemi.
  Rosetti è il direttore di gara di Genoa Samo 101° derby della Lanterna.
Il Big-Match della giornata va alla terna delle meraviglie (a livello internazionale) che ottimamente hanno diretto Bologna-Inter la settimana scorsa.
Ballottaggio tra Rosetti in questa partita da coefficiente 3  e Damato di Barletta mandato a dirigere Inter Fiorentina.
La direzione di Rosetti era quasi certa,  meno quella dei suoi assistenti di fiducia Ayroldi di  Molfetta  e Calcagno di Nichelino. Sesta direzione di gara nella massima serie in questo campionato  per il chiniesologo di Torino , la terza consecutiva in questo campionato
Rosetti è tornato,   nell’anno del Mundial,   anche in campionato ai livelli internazionali.  Preciso sotto l'aspetto disciplinare, 2 cartellini rossi in 5 gare e 2 calci di rigore , domenica scorsa in Bologna Inter è stato condiviso in tutti gli aspetti disciplinari e tecnici.
Il rosso a Maicon che aveva mandato a quel paese l’assistente Ayroldi è stato tempestivo.
Rosetti fischierà il 3° derby della Lanterna su 177 gare dirette in serie A.
Il bilancio  una vittoria  per la Samp ed un pareggio. Quarto uomo Giannocaro di Lecce.