Stampa
05
Apr
2011

GENOA SI RIPARTE DALLA SCIORBA VERSO LA JUVENTUS

Pin It

Lunedi 4 aprile 2011 non sarà ricordato per il post  partita di Genoa Cagliari la più brutta sconfitta maturata tra le mura amiche  dal Grifone di Ballardini .  La rabbia di Preziosi e dei genoani di domenica   , non perché il Genoa ha perso ma perché non ha giocato   , rimanendo negli spogliatoi contro  una squadra con gli stessi punti in classifica e le stesse motivazioni è stata mitigata dell’apertura della “Cantera Rossoblu” al campo della Sciorba. Iniziativa della Barabino & Partners e del Genoa per rivitalizzare un impianto sportivo che è costato tanto  alla cittadinanza di Genova.
Il motto della B&P e il Genoa è : “crescere verso un futuro per i giovani , per il Genoa e per Genova”,  rimettendo in moto un ‘ impianto sportivo  a beneficio non solo della Scuola calcio rossoblu, ma di tutta la circoscrizione e della collettività.



Preziosi ai margini della manifestazione ha parlato ancora della gara con il Cagliari, più tranquillo,   dopo  un lungo colloquio con il tecnico Ballardini che si assunto tutte le colpe della prestazione dei calciatori contro il Cagliari.
Preziosi è consapevole che anche contro la Juventus, indipendentemente dal  risultato , solo chi cade può risorgere,  che da domenica prossima fino  alla fine del campionato  non mancheranno le prestazioni della squadra.
 La forza di Ballardini ,  da persona intelligente,   capire  la fibrillazione di Preziosi  post partita non accampando scuse .
 Preziosi ha ribadito i concetti delle  frasi già  lette e sentite perché vuol far riflettere tutti con i suoi messaggi ad alta voce  : “alcuni  giocatori mi devono convincere di essere e di volere il Genoa anche la prossima stagione  e non sarà certo una vittoria in più o in meno che potrà farmi cambiare idea, la prestazione contro il Cagliari  deve far riflettere tutti anche l’allenatore”.
Non saranno i risultati a condizionare il futuro del Genoa . Preziosi sta preparando il Grifo del prossimo anno, con un piano, da squadra  organizzata, già pronto da almeno un mese.
Adesso il Presidente deve decidere , tutto succederà entro la fine del mese di Aprile.
Per la Società partirà un progetto a lungo termine e il primo tassello da non sbagliare sarà l’allenatore.
Ballardini resta in lizza. Le altre opzioni sono due( non di nomi)  : un tecnico navigato e di nome che voglia mettersi in giuoco  o un altro da lanciare nell’orbita della Serie A: importante sarà la convinzione del neo tecnico  sul  programma rossoblu,  più che il progetto che nel campionato italiano è legato solo ai risultati.
Vitale per chi sarà sulla panchina del Genoa nei prossimi anni sia in grado di portare  risultati, non solo sul campo ,  attraverso : giuoco, mordente, adrenalina,agonismo, valorizzazione dei giovani.
Preziosi la prossima estate non vuole più annunciare  il vecchio  obiettivo: stare nella parte sinistra della classifica !   
Preziosi alla Sciorba ,  ha ribadito che non è vero che non vuole l’Europa, di aver messo anche un premio per raggiungerla, ma di non piacerle l’attuale formula  dell’Europa League, considerato un Torneo secondario giocato al  giovedì, senza ricavi per i sacrifici delle Società e dei tifosi. ( LINO MARMORATO)