Stampa
20
Mag
2007

GENOA . UN PUNTO DI PLATINO AL SAN NICOLA

Pin It

Anche le grandi orchestre, dopo 9 vittorie, 2 sconfitte  ed un pareggio possono steccare.E’ successo al Genoa di Gasperini a Bari, 10’ di black out, ma subito dopo la luce si è riaccesa con il dna della grande squadra riprendendo il Bari sopra di due reti al 10’ minuto del secondo tempo,stecca partita dal giorno prima dopo la sosta prolungata negli aeroporti italiani.

1 punto di platino al S.Nicola visti i risultati degli avversari, 3 giornate al termine  due punti sul  Napoli, ma per mettere il coperchio  sulla pentola bisognerà aspettare almeno le prossime due giornate.
Materazzi senior, è stato di parola,aveva promesso un sabato di straordinari per i galletti e si è giocato la gara alla “dispari”, con un modulo tattico inedito il 4 6 0. 0  attaccanti, ma tutti pronti a difendersi ed attaccare , con pressing  asfissiante sui creatori di gioco e ripartenze rossoblu, con centrocampisti che invece di correre in profondità tracciavano il campo a zig zag, senza dare punti di riferimento alla disorientata difesa rossoblu, che ha patito la giornata no di De Rosa, in versione amarcord beccato duramente dai suoi vecchi tifosi, quasi più della famiglia Mattarese.

Ma la differenza sono state le marcature ad uomo ai tre attaccanti rossoblu, che le hanno sofferte ,smarcandosi raramente negli spazi luce distanti dagli avversari per permettere   giocate veloci ai centrocampisti rossoblu  che non avevano il tempo di alzare la testa subito aggrediti da più avversari.
Gasperini ha dato l’impressione di aver steccato  anche i cambi di De Rosa con Galeotto e Botta con Coppola invece aveva visto giusto rafforzando le corsie laterali i galletti non hanno più cantato in mezzo al campo dovendo andare a raddoppiare sulle corsie esterne, permettendo la rincorsa del Genoa e i due gol di Criscito e Di Vaio.

Il Genoa dopo calciopoli 1 e 2 è l’unica squadra tra i professionisti ad aver uno stile , non si  lamentano di nulla e dei direttori di Gara. Trefoloni a Bari non ha diretto da Internazionale ma cercando di dare un colpo al Bari e uno al Genoa, dentro le aree  di rigore,  con il risultato che i rossoblu non si lamentano ma hanno subito 3 evidenti errori da gol.

                                                 www.gruppozena.com

La 40 giornata la prossima, non sarà decisiva, ma gli scontri diretti tra aspiranti playoff e pericolanti play out potrebbe disegnare un’altra classifica. Rimini Arezzo ,Piacenza Spezia, Verona Napoli non saranno una passeggiata, senza dimenticarsi Juventus Mantova dove la vecchia signora non potrà rovinarsi la verginità dopo Calciopoli e Moggiopoli.
Il Genoa con il Pescara dovrà essere consapevole di non dover fare una passeggiata, ma da giocare da grifo e lasciare i calcoli
Agli altri, l’obiettivo sono gli 80 ,   meglio  81 punti  finali. 

                                                             Lino Marmorato