Stampa
02
Mar
2007

GENOA VENEZIA: CONSIDERAZIONI SULLA SENTENZA

Pin It

Il patron del Genoa Enrico Preziosi è stato condannato a quattro mesi di reclusione e 400 euro di multa per frode sportiva per la partita Genoa-Venezia. Condannati alla stessa pena anche il figlio Matteo, l'ex direttore sportivo della squadra rossoblù Stefano Capozucca, gli ex dirigenti del Venezia Franco Dal Cin e Giuseppe Pagliara.
La pena di Preziosi e degli altri imputati viene condonata grazie all'indulto. Il patron del Genoa e gli ex dirigenti della società rossoblù e del Venezia sono stati condannati anche a pene accessorie. L'interdizione dagli uffici direttivi delle società sportive per sei mesi, se la sentenza diventerà irrevocabile, la confisca dei 250 mila euro dati a Pino Pagliara, una provvisionale complessiva di 50 mila euro da pagare alla Figc. Il risarcimento dei danni chiesto dalla Figc è invece da determinare in separata sede.
Lo dissi nel Luglio del 2005, mi tocca ripeterlo, a caldo, senza aver letto le motivazioni: "La Legge è uguale per tutti, ma non tutti sono davanti alla legge".Ho l'impressione che la Montagna abbia partorito il topolino..Non mi aspettavo la assoluzione, ma il trasferimento degli atti processuali in altra sede si. Confortato da illustri giurtisti che la pensavano identicamente. Nel caso inchiesta Microsoft  sentenza scritta prima del processo in Figc  il Tribunale di Genova ha passato tutto alla Procura di Roma, per competenza territoriale,la speranzza che non vengano fatti scadere i termini  ,perch'è l'inchiesta ssu Genoa Venezia non è stata trasferita  in altra sede,  sembra avere le stesse caratteristiche di non competenza genovese?
Aspettiamo di leggere le motivazioni per capire qualcosa di più, Preziosi farà sicuramente appello, vedremo  se dalle motivazioni  si risolverà l'annoso problema , come si fa a truccare una  partita  senza farlo sapere ai giocatori ?

IN COLLABORAZIONE CON RADIO NOSTALGIA

Lino Marmorato