Stampa
22
Ott
2007

GENOVA LA SAMP RIPARTE DAL PARMA GRAZIE A MONTELLA

Pin It

La Samp riparte dal Parma grazie ai suoi primi attori in grado di  cambiare il volto della partita attraverso le loro giocate: Montella e Bellucci.Il gol di Montella al 25’ del primo, bravo anche a non esultare era  un’autorete di Dessena, ha sbloccato una partita dove la Samp non era nei marosi ,ma quasi,  di una Parma disarmante nel gioco d’attacco.

Non ha esultato per il gol, ma l’aeroplanino   di Montella con altre successive  giocate ha fatto decollare la Samp lanciando anche Bellucci invecchiando,come il vino, migliora nell’arte del gol.
Mazzarri ha dovuto rinuciare a Cassano, ma avuto l’ottima prestazione di Del Vecchio con mascherina. Il centrocampista sampdoriano ha giocato una gara di quantità e qualità agonistica caricandosi sulle spalle il centrocampo della Samp orfano di Volpi.

Molte volte abbiamo criticato lo Zenoni blucerchiato ma contro i ducali ha dimostrato di poter giocare bene ed interpretare al meglio il ruolo sulla fascia destra.  La Samp torna a correre e il punto di  domanda per meriti solo dei suoi solisti e per demerito dei Ducali in partita solo per mezz’ora ?
E’ un’ interrogativo che dovrà trovare la conferma la prossima settimana a Catania. Mazzarri avrà un’altra settimana in più ,  dove avràla possibilità di  far  conoscere la sua mano sul piano del gioco per adesso non brillante.

In attesa di Cassano può darsi l’arma in più di questa Samp. La qualità dei giocatori ha fatto la differenza fino adesso in questo campionato. Fino a gennaio Mazzarri  dovrà trovare soluzioni di gioco, per affidarsi successivamente alla sagacia di Marotta e Asmini  nell’indovinare due acquisti : un centrale difensivo che sappia proporsi nelle ripartenze ed un giocatore di sostanza sulle corsie laterali, che sia in grado di far giocare il triomeravigliao. Per la Samp contro il Parma tre punti pesanti, per lavorare tranquilli e trovare la via maestra quella del gioco al servizio dei piedi buoni blucerchiati.

                                     Lino Marmorato