Stampa
17
Mag
2007

I GIOVANI DELLA SAMPDORIA ENTRANO NELLA FINALE DEL CAMPIONATO PRIMAVERA

Pin It

La Samp con la testa  ai giovani,centra per la prima volta della sua  storia  la finale del Campionato Primavera,seguendo alla lettera le parole del suo allenatore Bollini : “identità e personalità”, rovesciando  il risultato contro l’Atalanta nella semifinale vincendo  per 2 a 1 .Sabato a Bressanone in italiano si giocheranno il titolo con l’Inter.

E’ contento Marotta salito in Alto Adige ,  ha salutato la qualificazione alla finale ribadendo che i ragazzi della primavera esprimono valori sia tecnici,sia morali e non perdono occasione per dimostrarlo. Il risultato premia  il lavoro della società che deciso di investire molto sul settore giovanile.
L’ad blucerchiato non ha dimenticato quello che lo aspetta in questi giorni, il nuovo allenatore e la quasi rifondazione della Samp. Il calcio mercato non finirà presto, buona parte della stampa, dei media apprezzano una dimensione onirica dell’esistenza.

I nomi sono tanti da giovani ,meno giovani e oltre gli  enta. , il nodo da risolvere alla svelta è l’allenatore.

                                                 www.gruppozena.com
Il mercato ufficialmente aprirà il 1 di luglio, ma in molte società si stanno muovendo con largo anticipo,partendo dall’allenatore.  Il mister blucerchiato deve essere scelto  tra uno focoso alla Novellino,piace a Marotta, ed uno calmo  tranquillo che piace alla proprietà.

Vince chi paga,   tutte le strade portavano a Ranieri del Parma,che aveva detto no a Zamparini a 56 anni saltare dopo ogni risultato negativo non era gradito. Ranieri ha chiesto garanzie sugli investimenti,Ranieri voleva portare a Genova dirigenti e anche l’altro preparatore atletico il Prof:Capanna, pur avendo  in blucerchiato il Prof.Sassi, un suo fido .Troppe richieste per essere evase da Marotta .

Escludendo i cloni di Novellino, Mazzarri, e quelli senza esperienza in A, Iachini, rimane Giampaolo un’altra scommessa  con le caratteristiche della proprietà, ma scommessa per scommessa da Milano arriva la candidatura di Tasotti vice allenatore di Ancelotti.

Ha stile, lavora in silenzio,si agita poco in panchina  buono per lo stile Garrone, ha è esperienza in serie A anche se da secondo, ha lavorato bene con i giovani, Marotta farebbe un piacere al Direttore Braida del Milan che gli vuol  far fare esperienza, si potrebbero collegare operazioni di mercato e non dovrebbe pretendere un ingaggio corposo.Tutti elementi che portano a Tassotti .Vedremo e può  darsi i che ci sbagliamo.

                                                    Lino Marmorato