Stampa
06
Mag
2010

IL CALCIO VISTO DA LONTANO. 36a GIORNATA DI CAMPIONATO: IL PUNTO SULLA A

Pin It

Manchester. Il calcio visto fuori dai confini nostrani.. La vetta della classifica resta immutata dopo la 36a giornata di serie A. L`Inter rimane prima con 2 punti di vantaggio sulla Roma. Grazie alle reti di Samuel e Thiago Motta i neroazzurri espugnano l`Olimpico e si impongono per 2-0 sulla Lazio. Vittoria in trasferta anche per la Roma. Totti e compagni vincono 2-1 sul campo del Parma, un goal e un assist per il capitano giallorosso.
Il Milan, stabile in terza posizione, supera la Fiorentina grazie ad un rigore di Ronaldinho.
Il quarto posto rimane un duello tra Sampdoria e Palermo. In attesa dello scontro diretto di domenica prossima al “Barbera”, la Samp mantiene due punti di vantaggio sui rosanero vincendo in casa sul Livorno per 2-0. In rete Cassano e Ziegler. Mantiene il passo il Palermo con la vittoria sul campo del Siena per 2-1. Sconfitta e retrocessione per i senesi. Ancora a segno Miccoli che mette a segno il goal numero 18 in campionato. Il capitano del palermo ha ancora due match a disposizione per tentare di convincere Lippi a portarlo al mondiale in Sudafrica  Continua il duello tra Napoli e Juventus per la sesta posizione.
Gli azzurri grazie alle reti di Denis e Lavezzi si impongono 2-1 sul Chievo,  riportandosi cosi a +1 sui bianconeri, i quali devono accontentarsi del pari sul campo del Catania.
Pesante sconfitta del Genoa a Bari per 3-0. I rossoblu cadono sotto i colpi di Meggiorini, Castillo e Barreto e dicono addio all`Europa.
Un punto che vale oro per la salvezza Bologna quello conquistato sul campo dell`Atalanta. Consente agli emiliani di rimanere a +5 sui bergamaschi a 2 turni dal termine.
Pareggio con goal tra Cagliari e Udinese. Il 2-2 finale regala spettacolo e un punto che va bene ad entrambe.
Intanto sono arrivate le convocazioni di Lippi per lo stage che si terra` alla Borghesiana fino al 5 maggio per l’appuntamento della coppa del mondo in Sudafrica  Non ci sono particolari sorpese, anche se si ha la sensazione che gli ultimi due turni di campionato possano essere utili a chi ancora nutre speranze di vivere il sogno mondiale.