Stampa
30
Giu
2008

IL GENOA E' PRONTO LA SAMPDORIA NON E' IMMOBILE INIZIA IL CALCIOMERCATO

Pin It

La Spagna ha vinto dopo 44 anni il Campionato Europeo.Ha vinto con le armi del calcio moderno: giovinezza,qualità al servizio del collettivo e giocatori duttili.
L’Europeo ha insegnato (vedi Russia) avere individualità buone non conta molto, se riesci a marcare bene questi elementi annienti i loro punti di forza.
Finite le vacanze!  Domani apre il calcio mercato ufficiale,tra 15 giorni i ritiri .Poche le novità a livello nazionale tante parole ,pochi fatti, le grandi a ricerca di sconti al  calcio mercato estero, e questa potrebbe essere anche una causa  dell’ultimo “flop” dell’Italia agli Europei. Nel calcio italiano è fallito e calato  tutto dai bilanci in rosso,agli spettatori, e i miracoli alla Lippi in Germania riescono una volta sola !
Le squadre italiane perdono in Europa e improvvisamente dalla Nazionale di pretende che vinca tutto !
Donadoni  solo e bidonato ha perso , perché  non ha avuto dirigenti all’altezza di sostenerlo dal suo arrivo e con l’ombra di Lippi  sempre ad inseguirlo !
Ha sbagliato anche Donadoni, il suo carattere,già conosciuto sotto la Lanterna , lo frega.
I suoi dogmi alla Sacchi non avendo Ryikard,Gullit,Van Basten e gli altri rossoneri italiani del Milan stellare , falliscono.
In questo Europeo ,parlando in rossoblucerchiato,  per perdere il Donadoni ci ha messo qualcosa di suo. Continuare ad utilizzare Toni “succhiato” dai tedeschi nel loro campionato tenendo in panchina Borriello, utilizzando Cassano modello “scolaretto” che ad ogni passaggio voleva il bravo dal maestro è servito a poco. Se hai a disposizione giocatori talentuosi devi utilizzarsi senza briglie !
Sui rigori contro la Spagna l’errore più grosso. Anzi che farli tirare a De Rossi,piede freddo,  già dimostrato, dagli 11 metri e Di Natale, avrebbe dovuto buttare nella mischia Del Piero, Toni e Zambrotta e dividersi le colpe .Si riparte da Lippi, ma sarà dura, è il calcio italiano in crisi e non solo la Nazionale.
Calciomercato.

Il Genoa è pronto. Il Genoa è “più forte dello scorso anno e molto più organizzato , il Grifo punta in alto”,parole e musica di Gasperini. Il Genoa di Gasperini con gli acquisti si allinea al calcio europeo: puntando sui giovani,ad una buona condizione fisica, con un centrocampo ed esterni universali. Adesso ci sono alcune scommesse da vincere da parte di Gasperini: Figueroa ,Olivera(se arriverà) come prime punte, e Gasbarroni che dovrà tornare all’antico ,ai tempi della Primavera allenata da Gasperini intorno agli anni 2000.
In queste ore la  scommessa di Preziosi e del suo staff acquisti indovinare il centrale difensivo, e non devono sbagliarlo,  che deve essere un giocatore di grande personalità e buona qualità che permetta alla squadra di esprimersi al meglio nelle  ripartenze, in grado di presidiare la difesa in occasione dei palloni inattivi con il gioco aereo. Dopo sarà tempo delle “ciligiene”   alla Preziosi, una sarà sicuramente a centrocampo per fornire più qualità al gioco offensivo rossoblu. Dopo ,bisognerà vendere e  sfoltire la rosa.  Gasperini preferisce lavorare con 21 giocatori piuttosto che 22,importante averne due per ruolo, dove nessuno sarà favorito in partenza ed avrà  il posto assicurato.

“La Samp non è immobile” parola  di  Marotta, anche se per adesso i blucerchiati, oltre il “ colpo”  Cassano,  hanno solamente venduto. Marotta, Asmini e Mazzarri  sono consapevoli che in vista dei tre obiettivi stagionali: Campionato,  Uefa,Coppa Italia i blucerchiati oltre a puntare sul blocco della squadra  che arrivata sesta nello scorso campionato,  dovranno rimpolpare la rosa  in qualità e quantità. Alla Samp occorrono un difensore di riserva , due esterni destri di centrocampo a sostituire Maggio e Zenoni, un centrocampista centrale di riserva ed una punta  ad affiancare Cassano in attesa di Bellucci,operato al  tendine di  Achille.
Marotta farà l’ennesimo miracolo avendo a disposizione  per rinforzare la squadra blucechiata solo  gli 8 milioni di euro incassati dalla vendita di Maggio al Napoli.
La punta centrale, oltre gli esterni destri mancanti, è la carta che la Samp dovrà giocarsi in modo ottimale. Mazzarri da allenatore esperto e consapevole dovrà trovare soluzioni alternative nel gioco offensivo alla “cassanite”, anche se lo scorso anno le cinque giornate di squalifica di “ Peter Pan ” non hanno influito sull’ottimo rendimento del girone di ritorno dei blucerchiati.
Samp alla finestra, ma da qui alla  partenza per il ritiro di Moena,  Marotta s’inventerà qualcosa . Molti i nomi dei giocatori nominati dagli esperti del calciomercato che dovrebbero arrivare in blucerchiato,tutti sempre in concorrenza con altre squadre, potrebbero essere non “bufale”, ma l’amministratore  delegato blucerchiato, è molto  abile nel muoversi a fari spenti, anche se il suo compito dopo i risultati dello scorso anno sembrano più difficili. Le cosiddette grandi, se esistono ancora visto il calciomercato che stanno conducendo, non sembrano propense a rinforzare una squadra che ha sfiorato la Champions e gli euro lo scorso anno.