Stampa
13
Nov
2010

IL GENOA IN SARDEGNA INCONTRA IL CAGLIARI

Pin It

Cagliari Napoli una brutta partita l’ultima di campionato,  ma ci ha pensato Lavezzi a tempo scaduto (94’ di giuoco)  a lasciare in braghe di tela Bisoli allenatore sardo,  sull’orlo   di una crisi di nervi,  marcato stretto dal Presidente furioso Cellino.
Bisoli contro Mazzarri ha  mandato  in campo, per dieci undicesimi, il Cagliari che aveva  pareggiato a Udine: unico cambio, Laner al posto di Nainggolan.
Il tecnico Bisoli , famoso a Cesena dopo la doppia promozione per avere utilizzato molti moduli, a Cagliari è stato molto realista, non smantellando l’impianto tattico prima di Ballardini e dopo di Allegri.



L’ombelico del Cagliari  è sempre Cossu. I sardi sono dipendenti delle giocate del piccolo giocatore.
Cossu inventato trequartista da Ballardini nel 2007  ha toppato  contro il Napoli una delle poche partite con la maglia rossoblu degli isolani ,ben francobollato da Gargano del Napoli.
Senza l’imprevedibilità del tamburino sardo il calcio  essenziale ed efficace del Cagliari è sparito, confermando solamente una buona organizzata difensiva , la quarta del campionato con sole 9 reti all’attivo.
Il Cagliari gioca con  4  3 1 2 con una grande organizzazione difensiva che gioca molto stretta con Conti il capitano a proteggerla.
Efficace il centrocampo ma Lazzari con il nuovo tecnico Bisoli ha abbassato il suo baricentro, risultante meno efficace con il suo sinistro ad inserirsi nelle difese avversarie.(assente contro l Grifo)
L’attacco rossoblu isolano è il grande rebus con Matri e Nene che vanno a corrente alternata ed Acquafresca per adesso non pervenuto nell’isola che per lui era quella del Tesoro.
L’attuale  Cagliari è stanco , vista la rosa ridotta, le tre gare in 8 giorni si fanno sentire,  e  Bisoli fa sempre  l’errore  di  volersi giocare i tre punti.
Le riserve dei vecchi titolari  provengono tutti dalla cadetteria dello scorso anno.
Il difetto dei rossoblu isolani rispetto al passato di concedere molto palleggio agli avversari.
Mini rivoluzione o turnover contro il Grifo. Largo a chi ha giocato meno in pre-allarme Pinardi, Laner, Biasi e Acquafresca.
Per crederci è meglio aspettare la formazione ufficiale:   Bisoli se perde con Cellino potrebbe già avere il biglietto di ritorno per il continente.  
 
 (LINO MARMORATO)