Stampa
12
Mar
2011

IL PALERMO DI COSMI AL FERRARIS CONTRO IL GENOA

Pin It

Il Palermo ha perso con la la Lazio per 2 a 0. Niente scossa da Cosmi per i rosanero al suo debutto in panchina. Quarto  ko consecutivo, i  siciliani non si rialzano con il nuovo tecnico e non cambiano marcia.
Il nuovo Palermo di Serse Cosmi , solo in teoria rispetto  a quello di Rossi, più equilibrato e roccioso cade in 18’ del primo tempo contro la Lazio di Sculli.
Partita facile per i biancocelesti, con un dubbio legittimo: troppo forte l’aquila o troppo frastornato e confusionario il Palermo.
Serse Cosmi come annunciato, ha  cancellato  il lavoro di Delio Rossi,   impostando  il suo primo Palermo con il 3-5-1-1 dei vecchi tempi a Perugia.
In difesa al duo Munoz-Bovo si aggiunge Andjelkovic, ultimo sloveno arrivato a gennaio,  mentre a centrocampo Nocerino e Migliaccio vengono coadiuvati da Ilicic, che viene arretrato da interno. Pastore, infine, si muove dietro l’unica punta Hernandez,  con Cassani e  Balzaretti , terzini d’attacco, che diventano di fatto ali pure, avendo comunque sempre compiti difensivi e Pastore è la seconda punta più che il trequartista.
Oltre gli aspetti tattici del new Palermo  all’Olimpico si è visto un Palermo stanco non solo nei giovani ma anche nei senatori di centrocampo come Nocerino e Migliaccio.
Un’altra diversità del Palermo di Cosmi il rilancio di Liverani in regia nel secondo tempo che ha provato a dare una logica alla manovra di Cosmi, senza riuscirci, con Ilicic, troppo lontano dalla porta avversaria ,  un pesce fuori dal giuoco; con il centrocampo schierato a 5 calciatori  con  Cassani troppo abituato a difendere prima di attaccare.
A fine partita il solito Cosmi amaro:”abbiamo perso solo 2 tiri a zero” e si appella ai giocatori di esperienza come Miccoli e Pinilla, bocciando le giovani stelle di Zamparini.
In questa  settimana molta riflessione per l’Uomo del Fiume , per non caderci dentro, contro il Genoa, oltre alle parole , ha dovuto specchiarsi  con la rosa a disposizione, e capire   se la difesa a tre  e il centrocampo a 5 calciatori è una buona idea, consapevole  che  tatticamente l’attuale   Palermo  non piace alla rosa e ai critici siciliani.




Nocerino e  Pastore hanno dichiarato in settimana : “stiamo studiando il giuoco di Cosmi”.
Non male per una squadra che vuole giocarsi l’Europa a 10 giornate dal termine del Campionato , e dopo Genova dovranno fare visita a Catania e Milan, 
Serse dopo le  esperienze non belle nei precedenti campionati,  dopo l’avventura rossoblu,  con Udinese, Brescia e Livorno visto il potenziale  d’attacco, con il rientro di Miccoli e Pinilla( in panchina) potrebbe optare per il 3 4 1 2 , sacrificando in panchina  Ilicic, stella slovena del girone di andata nel 4 3 3 di Delio Rossi.
La novità tattica provata nella gara in famiglia del giovedì Migliaccio in difesa.     ( LINO MARMORATO)