Stampa
25
Ago
2009

INIZIATO IL CAMPIONATO. PENSIERINI SULLA PRIMA GIORNATA

Pin It

Iniziato il Campionato 2009/2010. Il campionato, dell’anno zero del calcio italiano,dopo lo sgonfiare,     apportato  non solo dalla crisi economica  globale nel mondo. Tra il “samba” del Milan, il “fado” lento” di Mourinho e l’Inter, il valzer lento della Juve, il Campionato  vede in testa alla classifica Genova calcistica.
Genoa primo in vetta perché autore di tre reti, Samp a seguire perché vittoriosa in trasferta.
Genoa la squadra più verticale,divertente e meno controllabile del campionato.
Samp, il 4 4 2 di Del Neri un mix di fantasia e sudore dei centrocampisti,  può togliersi soddisfazioni.
In testa alla classifica c’è anche la Lazio di Lotito, il  suo braccio di ferro con Pandev Ledesma e compagnia, una legge Bosman al contrario a favore delle società e non dei calciatori dà i suoi frutti( tre risultati utili consecutivi, Supercoppa contro l’Inter,  E.L.,Prima di Campionato per i laziali). 
Semplice il messaggio del Presidente della Lazio ai ribelli calciatori:”rispettate i contratti  o trovate società in grado pagare il vostro cartellino e non solo il vostro ingaggio”. 
Il Palermo vince con il Napoli e permette a Zenga di continuare il suo progetto di “moutivazione” alla Trinacria.
Per tutte le altre squadre pareggi o sconfitte , ma per adesso  non è possibile dare giudizi sulla prima giornata del campionato,  anche se non è più calcio d’agosto e i punti contano.
 
Lunedì 31 alle ore 19 chiuderà il Calcio mercato estivo e dopo si potrà  ingaggiare solamente giocatori svincolati,al palo ad oggi  sono rimasti 224 giocatori disoccupati  tra serie A, B e C. 
Dopo questa settimana di saldi calcistici si giocherà  la seconda giornata di campionato che  oltre al Derby di Milano e Roma Juventus, potrebbe proporre rose di calciatori a disposizione degli allenatori profondamente diverse.
Un giudizio sulla prima giornata di Campionato si può esprimere, senza il pericolo di essere smentiti ,  tanto per non cambiare:  arbitri subito nel mirino.
Per Nicchi e Collina invece di spiegare solamente i vari episodi è giunto il momento di dare lezioni di Regolamento ai vari Moviolisti, anche a quelli con il passato arbitrale, e commentatori TV.
Non si può continuare a descrivere azioni parlando di “ultimo uomo” e confondere le idee con una “chiara azione da rete”.
Non  si può continuare per descrivere un calcio di rigore dicendo “ danno procurato”, termine  inesistente  nel Regolamento del giuoco calcio.
Il calcio di rigore deve essere assegnato per uno dei dieci falli punibili con un calcio di punizione diretto: dare o tentare di dare un calcio, dare o fare uno sgambetto, saltare su un avversario,  colpire o tentare di colpire, spingere un’ avversario: falli commessi per negligenza,imprudenza o vigoria sproporzionata . Oppure : contrastare un’ avversario senza il possesso del pallone, trattenere un’ avversario,sputare contro un’ avversario,giocare volontariamente il pallone con le mani.