Stampa
14
Giu
2010

ITALIA DEBUTTO AL MONDIALE CON CRISCITO IN CAMPO. CALCIOMERCATO

Pin It

Stasera debutto degli azzurri al Mondiale Africano  contro il Paraguay. Lippi non punta in sugli eroi di Berlino, smentendo tante previsioni della vigilia,  per battere i sud americani , ma si affida alla forza dei nervi e del gruppo per iniziare bene il cammino nel Mondiale.
Visto l’inizio del Mondiale Africano  dove la qualità è stata assorbita nel dovere controllare la palla a maggiore velocità, Lippi non dovrà essere tradito dalla vecchia guardia in particolare Zambrotta e Cannavaro, reduci da un non brillante campionato.
Dei rossoblucerchiati in campo contro la “seleccion guarani” solamente il rossoblu  Criscito dal primo minuto di giuoco sulla corsia di sinistra.

Calciomercato : 11 giorni alle consegne delle buste  per risolvere le comproprietà.
Marotta, Preziosi hanno premura di definire quelle tra Juventus e Genoa per Palladino e Criscito, oggi previsto un’incontro, e dopo buttarsi sul Bari per risolvere il caso Bonucci.
Criscito e Sculli battono    cassa a Pegli per prolungamento e adeguamento di contratto .  In compagnia di Criscito e Sculli arriverà  anche Capitan Rossi che alla giornata di oggi non risulta aver rinnovato il contratto in scadenza nel 2011

Samp a caccia  del Portiere . La speranza del ritorno di Storari dal Milan  è sempre viva. Gasparin e Tosi si tutelano monitorando le posizioni di Sorrentino(Chievo) e Curci in comproprietà tra Siena e Roma.
Gasparin e Tosi al lavoro sulle comproprietà di Mannini e Tissone .
In settimana riunione dei neo dirigenti  con il Comitato blucerchiato composto dal Presidente Garrone, dal figlio Edoardo e dal nipote Mondini per definire le strategie di mercato .
La  proprietà Garrone dopo aver creato un grande equilibrio nei conti conseguentemente ad  un obiettivo sportivo  negli scorsi anni , pur  bloccando i tre tenori blucerchiati ,  per assaporare qualcosa di più dovrà fare un sforzo per rinforzare la rosa dello scorso anno prima del preliminare Champions di Agosto.  

                                                                      Lino Marmorato