Stampa
26
Apr
2010

LA SAMP VINCE A ROMA E PAZZINI PRENOTA UN BIGLIETTO PER IL SUD AFRICA

Pin It

Roma Samp 1 a 2 .Impresa della Doria che interrompe il sogno della Roma in serie positiva da 24 giornate di campionato. Pazzini con una doppietta zittisce l’Olimpico e prenota  il biglietto per il Sud Africa . Pazzini e Storari,  un milanista in prestito alla Samp,  consegnano  lo scudetto all’Inter di Mourinho.Cassano super fischiato è stato di parola un’ assist gol per affondare i giallo rossi. Sampdoria, quarta in classifica con due punti in più del Palermo.
Roma Samp si è spenta tra la delusione generale dei 70.000 tifosi della Lupa e con la gioia dei 500 tifosi blucerchiati.
Partita dai due volti nel primo tempo con Roma in gran spolvero che non è riuscita a chiudere la partita .L’errore della squadra blucerchiata nel primo tempo  portare un pressing troppo prudente  e tenero al possesso prolungato del pallone da parte dei giallo rossi. Roma abile con Totti alla “Spaletti” a creare,  fungendo da prima punta arretrata,    lo spazio sulle corsie laterali con Menez  a destra e  Vucinic a sinistra.
Il vecchio giuoco ad albero di Natale della Roma ha messo in soggezione la Samp e la mancanza di sovrapposizioni sulle corsie laterali permettevano alla Roma di giocare in nove dietro la linea del pallone , e  ripartire portando  dentro l’area da rigore della Doria De Rossi e Perrotta  da veri  centravanti .
Il protagonista in assoluto del cambiamento della partita è stato Del Neri all’inizio della ripresa  con gli innesti di Tissone per Poli e Mannini per Guberti . I  due nuovi entrati hanno  mutato la Samp ritornata  attenta e corta .
Ranieri tecnico della Roma  elogiato  nel derby contro la Lazio per l’uscita di Totti e De Rossi alla fine del primo tempo  vincendo la partita , dovrà essere denigrato per i cambi contro la Samp.
Sul risultato di uno a uno levava Perrotta per Toni giocando con il tridente e dopo 5’ minuti faceva uscire Cassetti un terzino per Taddei: suicidio contro l’organizzazione tattica  di Del Neri  che ne approfittava a lasciare meno spazi alla Roma per  sfondare  in contropiede con Mannini sulla sinistra.
I protagonisti in assoluto blucerchiati sono stati Pazzini, ripeto, che deve andare per forza in Sud Africa. Pazzini unico centravanti in Italia che gioca due palloni e realizza due gol, grazie al suo fiuto innato nel vedere e sentire le porte avversarie.
Storari mostruoso in almeno 3 interventi, ben coadiuvato dalla difesa blucerchiata  e nel secondo Palombo Tissone e Mannini  con i loro muscoli.
Per ultimo Del Neri non tanto per i cambi azzeccati e previsti, ma per aver preparato molto bene la partita con i due allenamenti del Venerdi e del Sabato con lavori di scarico:  la differenza si è vista nel finale di gara con  la Samp più pimpante atleticamente.
Complimenti al Direttore di gara Damato, mai in soggezione , sempre attento ed oculato  nelle sue decisioni. Una tirata di orecchie al primo assistente Romagnoli che al primo minuto del tempo aveva fermato Cassano solo e non in fuorigioco davanti a Julio Sergio.       
Domenica la lotta Champions sarà decisa dalle squadre retrocesse matematicamente, Siena contro il Palermo e Samp contro il Livorno.
Alla penultima di campionato Palermo Samp si giocheranno la Champions al Barbera. Il sogno blucerchiato dopo aver vinto con Inter , Milan, Juventus, Genoa e Roma in questo girone di ritorno può continuare contro la gioventù siciliana opponendo la propria intelligenza tattica.
 
 ( Lino Marmorato)