Stampa
06
Mar
2010

LAZIO NEI GUAI CONTRO LA SAMP

Pin It

L’ultimo pareggio interno  all’ultimo secondo e gli altri risultati delle squadre in fondo alla classifica lasciano il fiammifero della retrocessione in mano a Lotito e alla squadra biancoceleste.Lazio senza tifosi con la curva Nord  vuota non hanno svuotato i biancoleselesti contro la Fiorentina,
Contro la Viola dopo il fortunoso gol di tacco di Siviglia , la Lazio h avuto il torto di non chiudere la partita con Mauri solo davanti a Frey , portiere toscano, all’altezza del calcio di rigore.
La chiave della partita  Lazio Fiorentina è tutta nelle sostituzioni: Prandelli le ha azzeccate con due baby Kerrison, autore  del pareggio ed un 17enne senegalese Babacar, mentre Reya tecnico bianco celeste  le ha sbagliate preferendo difensori per mantenere il vantaggio e lasciare Zarate in panchina per tutti i 90’ di giuoco.
Lazio solida con  la coppia Ledesma Matuzalem in mezzo al campo, che  funziona e bene specialmente nell’uomo del mobbing Ledesma preciso in  regia di governo del centrocampo e di interdizione:  la  differenza tra la Lazio di Mister Ballardini e quella di Reya è solamente in questi due calciatori.
Ma il problema principale della squadra laziale è la tenuta alla distanza  in un secondo tempo di sofferenza in quasi tutte le partite giocate in questo campionato.
Reya rispetto all’ultima apparizione in serie A  sulla panchina di Napoli contro la Fiorentina ha lasciato negli spogliatoi il suo abituale 5 3 2 optando per un 4312  di sostanza a centrocampo .
In vista della trasferta a Genova il nodo da sciogliere resta in avanti.
Le condizioni di Floccari non preoccupano lo staff medico, che conta di riaverlo in gruppo già oggi.
Resta invece il ballottaggio tra Rocchi e Zarate, con l’argentino che sembra favorito.
Il centrocampo verrà confermato in blocco: Brocchi, Ledesma e Matuzalem agiranno alle spalle di Mauri. In difesa l’unico testa a testa sembra riguardare Lichtsteiner e Diakitè. Radu, pienamente ristabilito, tornerà al fianco di Stendardo, con Kolarov a sinistra.