Stampa
15
Gen
2011

LAZIO SAMPDORIA NELLA CAPITALE

Pin It

Partita dalle mille sorprese all'Olimpico domenica scorsa  dove di scontato si è visto veramente nulla. 
Lazio e Lecce è finita 1 a 2  in un match in cui a farla da padrone sono stati  i penultimi in classifica contro i secondi,  praticamente irriconoscibili.
Quando Hernanes fa lo spettatore non pagante la Luce della Lazio 2010/2011 si spegne.
Brutta e povera di idee  la Lazio,  ed oltre Hernanes,   la mancanza degli altri  due brasiliani  Dias e Matuzalem hanno  fatto soffrire la squadra di Edy Reya  di fantasia a centrocampo  e solidità difensiva.


I capitolini hanno sofferto terribilmente il Lecce molto aggressivo e compatto.
Lazio frastornata e stupita dalla vivacità dei salentini.
I cambi nella ripresa di Edy Reya di Hernanes e Mauri non hanno sortito effetti sul campo ma un’altra contestazione nei confronti del tecnico friulano, che non gradisce.
La chiave della vittoria del Lecce il pressing ordinato ed intelligente dei ragazzi pugliesi che hanno  costretto a cambiare il giuoco, fluido, pulito di prima  ai biancocelesti,  non permettendo mai al regista Ledesma di giocare il pallone ed a Hernanes di litigare con la posizione in campo e il ruolo di trequartista mai trovato.
Tatticamente Reya contro il Lecce ha confermato il 4 2 3 1 che aveva sofferto contro il Genoa nel secondo tempo,  nel giorno della Befana.
Reya punta sempre su Floccari prima punta nonostante l’approssimativa condizione di forma e Zarate defilato non rende, con  Rocchi KO.
Nella ripresa neanche la mossa , prima delle sostituzioni di Hernanes in mediana , Mauri trequartista e Zarate prima punta ha portato benefici all’Aquila Laziale .
Contro la Samp con Biava squalificato solo il dubbio Radu influenzato. Oltre Rocchi anche Matuzalem ai box.
Al posto di Biava rientra Dias, e per sostituire il rumeno de non dovesse recuperare  potrebbe affidarsi a Del Nero. 

 ( lino marmorato)