Stampa
19
Feb
2010

L'INTER ASPETTA DEL NERI DOPO LA SCONFITTA DELL'ANDATA

Pin It

l’Inter non dà segni di cedimento pur pareggiando a Napoli. L’Inter pareggia le ultime tre partite in trasferta con Bari  Parma e Napoli ma dimostra di essere più forte dello scorso anno.   Rispetto al passato , Mou cambia i giocatori, ma non cambia il giuoco.
Contro lo scatenato ciuccio di Mazzarri Mourinho ha fatto il grande errore nel primo tempo di far dividere la sua squadra in due tronconi dal pressing napoletano.
Milito Pandev e Snejder davanti potevano creare occasioni solamente da soli e non attraverso un giuoco.
Mou inserendo Mariga l’ultimo arrivato al posto di Muntari ha ripreso in mano il centrocampo andando vicino anche alla vittoria.
E’ un paradosso ma l’Inter senza Balotelli sembra  una squadra solamente organizzata per mancanza  dell’estro di un giocatore  che possa stravolgere le tattiche di giuoco.
L’ Inter è sicuramente più forte anche senza Ibra, la forza, la classe,  di Milito, Etò, fanno la differenza, anche se camerunese è in ritardo di condizione dopo la
Coppa d’ Africa,  dentro le aree da rigore avversarie e Thiago Motta, anche se soffre ad non essere il protagonista, è uno tra i jolly completo per il centrocampo.
Ma la differenza tra lo scorso anno e il campionato in corso l’ha fatto Mourinho lasciando da parte l’indecisione tattica lavorando sul 4 3 1 2 duttile nel giuoco e negli uomini che lo interpretano.
Mou lo scorso anno era riconosciuto come un comunicatore quest’ anno anche come un allenatore.
Sabato sera arriva la Sampdoria di Delneri, un allenatore indigesto allo Special One considerati i precedenti. Una partita da vivere fino all'ultimo, perché di sicuro, non finirà al triplice fischio.
Il modulo contro la Samp sarà il 4 3 1 2 con staffette tra Stankovic e Snejder dietro le due punte e tra Eto e Pandev o Milito  in attacco.Mourinho sper anche nel recupero di Balotelli .
Turnover programmato sul terreno di giuoco per l’allenatore portoghese la prossima settimana si gioca la reputazione con il Chelsea in Champions.

                                                             LINO MARMORATO