Stampa
20
Dic
2009

LIVORNO SAMPDORIA 3 A 1. BABBO NATALE CASSANO NON E' BASTATO

Pin It

Livorno Samp 3 a 1 . Non è finito  il periodo buio  dei blucerchiati sul piano tecnico tattico.
Il  pareggio con la Roma domenica scorsa è stato solo un’aspirina, perché la febbre  sampdoriana continua.Più  che la sconfitta contro i labronici  sono i numeri che decretano la crisi della Samp.
Nelle ultime 8 partite(10 giornata di campionato  sconfitta in casa Juventus) la Samp ha collezionato 4 punti su 24, ma essendo  la classifica sempre stata munifica nei confronti della Doria con i suoi 24/25  punti, ha fatto cessare l’allarme troppo presto in casa della Doria.
Non sono  i risultati, ma altri  numeri che fanno pensare che durante  la prossima sosta natalizia per rimettere in carreggiata   l’auto  blucerchiata, bisognerà lavorare tanto e a fondo per capirli.
I numeri “neri” blucerchiati  sono:: 18 gol incassati e 3  realizzati in 8 gare , vero  campanello d’allarme da non sottovalutare .
La fortuna della Samp che  rispetto a tante altre squadre non navighi in mari agitati, vista la pacatezza della sua dirigenza e dei suoi sostenitori.
La Samp oggi non è stata neanche salvata da Babbo Natale Cassano ritornato al 2  gol  in campionato dopo 15 partite, cioè dal l’agosto scorso.
La Samp era in vantaggio contro il Livorno , e non  saputo  gestire né se stessa né il risultato.
Il Livorno di Cosmi ha  ripetuto  la beffa di Coppa Italia :pareggiando  e sorpassando la squadra di Del Neri..
Quando la Samp è in crisi e va sotto  la doria rimane sempre  in dieci,  altro rosso a  Stankevicius,   perché ?
Se Babbo Natale è Cassano, Del Neri a Livorno ha continuato a fare la Befana, non portando buoni doni, ma bruttezza sul piano tattico e nei cambi.
All’inizio la  Samp è sempre stata in ansia sulla corsia di sinistra con Accardi e Mannini, che hanno fatto fare la figura di Garrinchia ad un certo Riamondi.
Mannini non è in forma e continua a giocare e neanche è stato sostituito. Accardi non ha più il passo da esterno sinistro del 4 4 2 .
Del Neri ha ritrovato le ali per volare con il rientro di Semioli, ma l’esterno arrivato da Firenze non poteva essere d’incanto il risolutore di tutti i problemi blucerchiati.
Cassano inventa il gol, ma il  solito replay della difesa blucerchiata sul gol di Rivas che ha fregato sul tempo Marco Rossi , anche se vi erano alcuni centimetri importanti d’altezza, alla fine del primo tempo ha mandato negli spogliatoi la truppa blucerchiata già depressa.
Il secondo e il terzo gol sono non sono replay,  ma  la foto di errori difensivi già visti in casa blucerchiata anche nei momenti di vacche grasse.
Dopo il sorpasso del Livorno, altra crisi tattica di Del Neri con i suoi cambi non azzeccati: Bellucci per Semioli, poteva andare , ma Ziegler per Tissone no.
 La Samp non è affondata  grazie al  buon Palombo,  unico centrocampista di ruolo,  abile fino al terzo gol a cantare e portare la croce facendo le due fasi di giuoco, reggendo da solo il peso di tutto il centrocampo.
Il nuovo modulo,  il 4 2 3 1,  la Samp Del Neri  lo può utilizzare contro le grandi squadre , ma non contro  le piccole.
Contro le grandi si trovano  gli spazi contro il Livorno era difficile.
Il Livorno aspettava la Samp nella sua meta campo, in 9  dietro la linea del pallone, e la Samp senza esterni spesso si trovava in un imbuto di centrocampo molto affollato.
Tanti palleggiatori blucerchiati che cercavano la profondità con lanci lunghi dalla trequarti che favorivano la difesa labronica.
Il terzo cambio Zauri per Rossi con Accardi spostato centrale nel nuovo 4 3 2 , l’unico che spingeva sulla sinistra nel secondo tempo,  e con Mannini ancora in campo ha fatto arrabbiare    Cassano,  documentato dalle immagini TV.
Semplice domanda perché non si è trovato lo spazio a Pozzi dentro la difesa affollata davanti al portiere De Lucia ed essendo sotto di una rete ?
La prova che tutto quel marasma tattico non funzionava   si è avuta quando la Samp è rimasta in 10.
In inferiorità numerica  paradossalmente la Samp  ha preso in mano le redine della gara, creando occasioni e giocando  meglio , trovando giocate in velocità.
La Samp ha perso contro Spinelli anche  senza la sua mantellina gialla e contro Cosmi con cappellino e occhiali scuri anche al buio.
Ma il Livorno quando vede la Lanterna si rianimare  ci mette dentro il cuore : 11 reti realizzate dai labronici in queste 17 giornate di campionato,  5 realizzate ai rossoblucerchiati.
Dopo  questo periodo di  ferie natalizie la Samp innanzitutto dovrà cercare i motivi della sua discesa , non in classifica, ma sul piano del giuoco e della tattica.
Beppe Marotta è in grado di riprendere il Timone blucerchiato senza problemi, ma qualche aiuto a Del Neri nel prossimo calciomercato bisognerà cercare di rimediarlo, specialmente in difesa.