Stampa
02
Dic
2009

MANCHESTER. IL CALCIO ITALIANO VISTO FUORI DAI CONFINI NOSTRANI

Pin It

Per le italiane e` stata sicuramente la peggiore giornata sin dall`inizio del torneo. Il bilancio: una vittoria, un pareggio e 2 sconfitte. Le scommesse calcistiche  sono state completamente disattese in questa tornata. Non e` certo esaltante. Le milanesi deludono. La metamorfosi che puntualmente avviene all`Inter in champions e` alquanto preoccupante.
In serie A la squadra di Mourinho viaggia all`impressionante media di quasi 2,5 punti a partita. In Europa l`Inter stenta, e non poco, una vittoria, tre pareggi e una sconfitta.
Perdere al Camp Nou ci puo` stare. Perdere in quel modo in poco piu` di venti minuti proprio non va giu`. Al di la’ della dura legge del Camp Nou, siamo proprio sicuri che perdere con un Barcellona che non attraversava un momento poi tanto brillante, privo di Messi Ibraimovic e Toure`, ci puo` stare!? La squadra in questione e` pur sempre l`Inter.
Il 9 dicembre a San Siro arriva il Rubin Kazan, squadra che ha raccolto 4 punti contro i campioni d`Europa. In caso di risultato positivo del Barcellona a Kiev: un pareggio con pochi gol (0-0 o sull’1-1) qualificherebbe i nerazzurri. Ma bisogna vincere e convincere per conquistare fiducia in se stessi e credibilita` anche in Europa.
Delude il Milan in casa con il Marsiglia. L`1-1 va persino stretto ai francesi che nel finale sfiorano il colpaccio con Brandao, traversa scheggiata, e Diawara in pieno palo.
Il Milan sempre piu` di filosofia brasiliana e` costruito per attaccare e divertire, il concetto e` semplice: fare un gol in piu` dell`avversario. L`equilibrio pero` non abita qui! La squadra quando deve difendere soffre e molto in questa fase. Lo si e` visto con il Cagliari in campionato e con il Marsiglia arrivato troppo spesso e volentieri dalle parti di Dida.
Che questa filosofia di gioco sia quella giusta o meno e` presto per dirlo. Sta di fatto che il Milan ha sofferto piu` del dovuto, ai punti avrebbe senz`altro vinto il Marsiglia e se la buona sorte avesse assistito i francesi nel finale, bhe` allora sarebbe stato un KO bello pesante.
La Juventus cade a Bordeaux. L`unico risultato per concludere il proprio girone al primo posto dopo la vittoria del Bayern era appunto vincere.
Di un altro avviso e` stato il Bordeaux che con Menegazzo e Chamakh ha liquidato una timida Juve.
Arriva dunque la prima sconfitta europea per i bianconeri. Troppo rinunciatari e poco decisi nel reagire dopo il gol subito. Il discorso qualificazione lo si poteva chiudere in Francia, ma ci voleva una Juve diversa, piu` convinta e con qualche equivoco tattico in meno. A Torino l`8 dicembre contro i bavaresi basta un punto, ma sara` pur sempre uno spareggio.
Intanto Firenze sorride. La fiorentina e` l`unica italiana qualificata con un turno di anticipo. Il girone F era di sicuro il piu` duro. Sarebbe importante passare il turno primi, per poter cosi evitare squadre blasonate. Ma comunque andra` la Fiorentina approda agli ottavi con grande consapevolezza
nei propri mezzi, con una maggiore maturita` acquistata anno dopo anno ad alti livelli, con l`abilita` di saper  andare in vantaggio su rigore per poi gestire con autorita` la partita. Inoltre, sopperire alle assenze di Jovetic e Mutu non e` certo cosa da poco. Andare sulle scommesse sicure  rimane valido solo puntando sui Viola.
La Fiorentina un passo alla volta si sta facendo spazio anche tra le grandi d`Europa.