Stampa
22
Gen
2007

MARCO DI VAIO OGGI UFFICIALMENTE PASSATO DAL MONACO AL GENOA

Pin It

Alle 14.30 il Genoa ha presentato l'attaccante Marco Di Vaio, proveniente dal Monacò.
Presentare Marco Di Vaio non è difficile basta guardare il suo curriculum, bastano le ultime tre squadre dove ha militato per capire lo spessore del giocatore Juve Valencia e Monacò. Di Vaio arriva a Genova come il salvatore della patria, ma sa benissimo che non sarà facile ,  in carriera non c'e' solo successi,risultati, gol ma anche  insuccessi.

Nacque calciatore in una  squadra del suo quartiere sulla Cassia che si chiamava "Storta".
Tutto  un programma per la sua carriera , perche Di Vaio non ha mai avuto il posto fisso,mai avuto regali dai suoi allenatori,  li ha sempre dovuti stupire  con effetti speciali e gol per guadagnarsi il posto da titolare, da Mimmo Caso, a Lippi in Nazionale passando per Malesani Sacchi e Ulivieri in un'anno a Parma, a Capello.A Valencia lo aveva voluto Ranieri, a Monaco Guidolin, ma ha dovuto dimostrare sempre qualcosa.
Di Vaio è un'attaccante, per qualcuno piccolo, ma veloce,insidioso,  Arrigo Sacchi, sull'orlo di una crisi di nervi quando fu richiamato a Parma,capii subito le potenzialità del romano,scatti e filare rapido ad inseguire gli   assist dei compagni, in diagonale oltre la linea dei difensori.

Fu subito feeling tra Di Vaio e Sacchi e il ragazzo di borgata andò subito a tagliarsi i capelli biondi lunghi su richiesta dell'Arrigo.
Di Vaio non sarà , non vorrà essere il salvatore del Grifo 2006 2007, e troppo intelligente è un romano non romano, non gli piaceva lo studio,  diventato ragioniere per far contento i genitori  avrà  visto
che la squadra di Gasperini nel tabellino ha  33 gol segnati, la seconda in cadetteria.
Di Vaio dovrà dare al vecchio  balordo quel tasso di qualità in piu' che in questa cadetteria targata Juventus farà la differenza.

Adesso toccherà a tutti quanti non incominciare a fare  formazioni gioca tizio gioca caio, il Genoa di Gasperini funzionerà fino in fondo se l'orchestra suonerà lo stesso spartito, e questo l'ha capito anche di Vaio, non vuol fare il solista, ma contribuire a portare il vecchio balordo dove voglio i suoi tifosi, con i suoi compagni, specialmente con coloro che hanno tirato la carretta fino adesso.

   www.nostalgia.it              Lino Marmorato