Stampa
05
Feb
2011

MILAN AL FERRARIS CONTRO IL GRIFO

Pin It

Il Milan non ha  frantumato  il muro della Lazio  a "San Siro" martedì  scorso nell’anticipo della quarta di ritorno, anche se un doppio palo nella stessa azione ed un salvataggio di Biava sulla linea di porta  hanno salvato i biancocelesti. La Lazio impostando  la partita sulla difensiva, tatticamente  un 4 5 1,   con squadra chiusa e  pochi spazi concessi in aggiunta a molta corsa  ha fatto soffrire il Diavolo.
Le 4 stelle dei rossoneri: Zlatan Ibrahimovic ,non ha fatto Bingo per colpa dei pali  ma anche perché è sbattuto spesso contro il muro di  Biava e Dias ,  molto polemico con i compagni, per i tanti cross sbagliati nella misura da Oddo ed Emanuelson.
Pato non si riprende dalle  critiche di Ibra e sembra un pesce fuori dall’acqua. Cassano lo sostituisce  ma combina poco in 20’ di giuoco.
Robinho svaga il termine giusto e non svaria ,   lungo tutto il fronte offensivo ma spreca tanto in zona gol cerca  lo spazio per proporre gioco, ma il compito di innescare l’azione dei compagni  non gli riesce se marcato da vicino.
Tatticamente il Milan gioca con 4 3 1 2 .
Allegri ha imposto le sue idee lasciando il 4 3 3 dopo la partita di Champions  contro l’Aiax, adottando per i rossoneri il suo   modulo preferito,  quello di Cagliari,  con Robinho in versione Cossu dietro le punte, ma il brasiliano non è un trequartista/mediano  ed non utile in fase difensiva. Lo  schema di Allegri     esalta  la forza fisica di Ibraihimovic, solo e libero di fare quello che vuole  dentro le aree da rigore avversarie.
La forza del Milan e di Allegri  al completo,  quello di aver diminuito il numero dei fantasisti e aver costruito  un centrocampo con tre mediani per non fare più soffrire la difesa.
Il Milan però  rispetto alle partite del girone di andata in questo 2011, con i tanti infortunati,  ha perso una delle caratteristiche che lo hanno portato in testa alla classifica: il pressing alto di Ambrosini, Gattuso, Seedorf o Pirlo a non far ripartire gli avversari.
Tattica vincente che i sostituti non sono più riusciti a mettere in atto soffrendo le galoppate degli avversari sulle corsie laterali dove Oddo ed Antonini hanno messo in mostra le deboli qualità in fase di contenimento.
Contro la Lazio era 14 gli assenti, contro il Grifo recuperano  Gattuso e Seedorf, rientra Van Bommel da squalifica. Allegri vuole Gattuso subito in campo e l’olandese in panchina. 
Thiago Silva tornerà  in difesa con Yepes  francobollato vecchio e bidone al suo ingaggio dal Chievo la scorsa estate ,  adesso è   uno dei nuovi idoli della tifoseria  non facendo rimpiangere Nesta, ma quando viene puntato dall’attaccante  regolarmente ricorre al fallo.
Gli altri ballottaggi Merkel per  Emanuelson, e tanta curiosità se Allegri scaricherà Pato per Cassano.  
 
 ( LINO MARMORATO)