Stampa
13
Apr
2012

Vigilia di Milan Genoa

Pin It

altIl pareggio del Genoa contro il Cesena anche se da molti auspicato alla vigilia, collegato al risultato del Lecce a Catania ha toccato l’umore di molti genoani, anche aumentato dopo aver visto il Genoa giocare nelle ultime partite. I sintomi per

andare in depressione ci sono tutti, ma rispetto alla giornata di campionato di Mercoledì scorso , il futuro del Vecchio Balordo non sembra essere cambiato di molto. Sull’incertezza della serie B viaggiano molte squadre dopo la vittoria dei salentini e il calendario che domenica prossima propone a Cosmi un Napoli alla frutta, che si concentrerà solamente per la Finale di Coppa Italia contro La Juventus, aumenterà la paura per molte squadre. L’amarezza a Genova, sponda rossoblu è tanta e comprensibile.
Il Genoa non andrà in B, perché in un campionato a 20 squadre , specialmente questo in corso, il livello è molto basso e di cattiva qualità che basterebbe pochissimo(qualche gol di Gilardino) per uscirne ed anche alla svelta.
Attualmente quello che fa paura è lo spettacolo mediocre , per non dire altro, del Grifone manifestato in tutte le 33 giornate di campionato anche nei risultati concreti e specialmente gli ultimi dopo essere stati messi sotto nei secondi tempi da squadre già retrocesse sul piano fisico e della corsa, non aiuta ha essere positivi. Sia nelle gestioni Malesani 1 , Marino, Malesani 2 , che ormai ammette pubblicamente le difficoltà

inattese , nessuno dei due tecnici è riuscito a dare una svolta ed una sua impronta. Rispetto alle altre società in difficoltà, Preziosi oltre chiedere scusa degli errori commessi, non ha mai ridimensionato le ambizioni: una differenza importante per il risultato finale. Preziosi tra un giocattolo ed un altro ha capito, già Martedì scorso , che deve trovare più di un attimo da dedicare alla salvezza del Genoa con la sua presenza e lo stress gli ha giocato un brutto scherzo ma senza conseguenze. Dopo il Mercoledì non da Leoni dei rossoblu a nessuno piacerebbe trasformare il Sabato del Villaggio in rossonero all’ennesima potenza , anche se il nuovo campionato del Genoa inizierà nuovamente il 22 aprile contro il Siena al Ferraris.

Le parole di Malesani in conferenza stampa post partita con il Cesena lasciano spazi a multipli turnover contro il Diavolo. La speranza che la lezione di Napoli sia stata metabolizzata da tutti e soprattutto dal tecnico. Preziosi è amico di Galliani, dell’Inter , ma quando perde di brutto si incazza : Marino è stato l’ultimo a farne le spese. Dal Pio Signorini blindato dalle Forze dell’ordine , oltre la squalifica di Moretti, arrivano notizie sui recuperi, non abbiamo capito se prossimi o per domani , di Costant e Antonelli. Ad oggi certo il solo recupero di Kucka . Ze Eduardo, Jorquera e Birsa per giocare, mettersi in mostra e far capire che hanno sbagliato a non utilizzarli in precedenza, farebbero carte false. Difficile sapere se giocheranno , importante se andranno in campo, che Malesani gli spieghi che a S. Siro non si può giocare a tre sette con il morto… Le ultime da Milanello annunciano il ritorno di cinque calciatori contro il Genoa: Antonini, Van Bommel, Meshab dagli infortuni, Bonera e Aquilani dalla squalifica. Ai box Boateng, Ambrosini e Abate e può darsi anche Abbiati. Turnover per Robinho con spazio al Faraone. ( lino marmorato)