Stampa
29
Apr
2011

NAPOLI CONTRO IL GRIFO A FUORIGROTTA

Pin It

Il Napoli è andato in corto circuito e le colpe non sembrano  degli altri. Ha perso contro il Palermo che  nel secondo tempo ha rischiato di dilagare. Due sconfitte consecutive sono un’ allarme ,  un record nel campionato buonissimo di Mazzari , ma che rischiano di mandare  all’aria il lavoro di sette mesi.
La cura dimagrante 0 punti in 7 giorni mette a repentaglio la qualificazione senza preliminari alla Champions.
Il Napoli era stanco e distratto,  il Palermo no ! Questa è la fotografia del Barbera  di domenica  scorsa.
A Palermo Nocerino e Migliaccio, due tosti italiani hanno tolto il fiato ad Hamsik e senza le ripartenze di Lavezzi i partenopei hanno faticato a rimanere in partita.
Cavani non fa più gol in tutte le maniere anche se  ha raggiunto il 100°  gol in A con un rigore non festeggiato nella sua Palermo.
Dopo il pareggio del Palermo la debacle del Napoli, il fiato è incominciato a mancare e il Palermo negli spazi larghi di una squadra che pensava solo a vincere  è andato  a nozze.
La forza della disperazione di Mazzarri ha  mandato  in campo il fedele Lucarelli al posto di Hamsik ma è stato inutile, anzi,  il punto di riferimento nel mezzo dell’area dei siciliani ,  ha dato spinta agli esterni rosanero Balzaretti e Cassani pronti  a creare superiorità numerica contro il  novo modulo partenopeo. 4 3 3 
Mazzarri gioca sempre con il 3 4 2 1 ma senza i “tenori” al posto giusto fisicamente  e al momento giusto in campo ,  la sua “opera” stecca.
Le disfatte in casa Napoli bruciano,  e se non saranno bravi a gestire le sconfitte come le vittorie,   si ha l’impressione che il team napoletano  possa arrivare alla fine del campionato usurato dalla troppa pressione.
Se a Napoli  i  dirigenti, il pubblico capiranno che il calo  è colpa dell’esperienza  e che non è un emergenza , potrebbe essere la ricostruzione giusta per il prossimo campionato, anche se non arrivare in Champions in posizione privilegiata potrebbe far vacillare la dirigenza davanti alle  proposte indecenti che arrivano per Cavani da tutta l’Europa che conta.
Contro il Genoa rientrano Cannavaro e Lavezzi da squalifica, tutta la rosa a disposizione di Mazzari ,  soliti ballottaggi tra Ruiz  e Aronica in difesa e Pazienza Gargano a centrocampo. Maggio ha recuperato , ma Zuniga scalpita per giocare dal primo minuto di giuoco. ( LINO MARMORATO)