Stampa
31
Ott
2009

PALERMO CONTRO IL GENOA AL BARBERA

Pin It

Inter  Palermo 5 a 3. Il posticipo della 10° giornata di campionato ha fatto divertire. Nerazzurri in vantaggio per 4 a 0 nel primo tempo hanno subito nella ripresa il Palermo.  Reazione d'orgoglio dei rosa nero  che hanno  approfittato  del rilassamento della squadra di Mourinho, convinta di avere già in tasca la vittoria, realizzando tre reti che hanno spaventato S.Siro. Zenga ci ha messo del suo nel primo tempo  a regalare  la fascia sinistra a Maicon facendo debuttare il giovane rumeno Melinte a contrastare il brasiliano.
Le 4 reti compreso il rigore sono da addebitare ad errori  del  giovane rumeno.
Zenga si è giustificato che senza Bovo squalificato e Balzaretti infortunato non poteva fare di meglio, ma qualcuno gli ha ricordato che contro l’Inter si può cambiare atteggiamento tattico
Mourinho ha ripagato il Ragno nero dopo il forfait di Chivu facendo entrare Santon, irriconoscibile e sfiduciato   rispetto allo scorso anno.
Protagonista nel secondo tempo sempre la  corsia di sinistra di S.Siro, gli errori di Santon,  hanno  permesso ai rosa nero  di bucare tre volte Julio Cesar. 
Zenga nelle prime partite di questo campionato sul piano tattico non ci aveva capito molto.
Il  Ragno nero ha tentato uno spocchioso arbitro di Natale alla Spalletti, fallito sul nascere e graziato dall’inconcludente e pauroso Napoli di Donadoni, alla prima giornata di campionato.
Di seguito ha proposto  un Palermo alla Ballardini , ex tecnico dei rosa nero , proponendo un 4 3 1 2 .
I moduli descritti hanno rischiato di bruciare oltre i nuovi acquisti Bertolo e Pastore anche i veterani Cavani, Bresciano e Simplicio, più in panchina che in campo, collezionando in sei partite sei punti.
 Alla settima gara  la  scintilla tattica a Zenga è arrivata contro la Juventus  al Barbera schierando i rosa nero con 3 4 1 2 .
Modulo tattico che prevede l’avanzamento di Cassani e Balzaretti, difensori di fascia,  sulla linea di centrocampo , Pastore la stella  arrivata  dall’Uruguay alle spalle delle due punte Miccoli e Cavani che con i loro tagli esterni procurano superiorità grazie agli  inserimenti da dietro di Bresciano e Simplicio.
Nuovo modulo tattico che ha fruttato ai siciliani  tre vittorie e  9  punti in classifica con 5 reti realizzate e solamente due  incassate .
L’altra novità proposta e voluta dal Padron rosa nero  Zamparini,  Migliaccio il centrocampista trasformato difensore centrale con Bovo e Kjaer o Golan.
Zenga alla 5 giornata di campionato dopo il 3 a 3 casalingo con la Roma  ha bruciato Rubinho, l’ex portiere del Genoa , preferendogli tra i pali il giovane Sirigu che in 4 partite giocate ha incassato 6 gol di cui 5 con l’Inter.
Contro il Genoa rientra Bovo da squalificato, Balzaretti ai box per stiramento, probabile rientro in panchina di Rubinho e Budan.
La probabile formazione  schierata con il 3 4  1 2 .
Sirigu in porta, Bovo Khiajer Migliaccio in difesa, Bertolo, Simplicio,Bresciano,Cassani a centrocampo ,Pastore, alle spalle di Cavani e Miccoli.
Ma altre soluzioni tecniche dopo la notte di S.Siro potrebbe pensare Zenga contro il Grifo,  ritornando alla difesa a 4 un centrocampo più di peso con dentro Nocerino.