Stampa
16
Mag
2012

Preziosi vuole un nuovo Genoa

Pin It

altTutto è in ballo nella testa del Joker che in queste ore sta valutando a 360° tutto ciò che è successo nel  campionato appena finito .Ricognizione che investe la struttura societaria, i giocatori ed anche gli allenatori futuri. Preziosi per

quanto riguarda i calciatori della prossima annata è consapevole di aver tempo per capire cosa serve , anche se entro il 25 giugno si dovranno decidere le comproprietà. Il v2012 hachiuso un ciclo in casa rossoblu, il prossimo anno per la sestavolta in serie A , si dovrà presentare un grifo molto diverso non solo sul campo nel ritrovamento di una forte organizzazione societaria, nello scouting che scopra non solo i piedi ma anche la testa dei calciatori che arrivano dall’estero, che sia in grado di sopperire ad una delle cause del capitombolo genoano nella stagione appena Finita. Insomma si dovrà ritrovare lo spirito e lla capacità di essere un gruppo dietro le scrivanie e sul campo. Preziosi parlerà ad uno ad uno a dirigenti , collaboratori, impiegati e vorrà delle risposte: resterà chi se lo merita. La stessa richiesta la farà ai giocatori anziani o giovani. Preziosi non ha digerito le troppe sconfitte, i 59 goal incassati come in un allenamento contro avversari sempre liberi di colpire e difensori rossoblu sempre saltati come birilli, vista anche l’esperienza di coloro che sono andati in campo. Probabilmente i tabellini il Joker li ha già messi da parte e nella sua testa è rimasto un chiodo fisso : troppo spesso è mancata la voglia di soffrire oltreché i palloni giusti… e non solo durante le partite ufficiali: un insieme di responsabilità micidiali per non riuscire e fare nulla nel calcio. Preziosi nel corso dello scorso campionato si è preso le sue colpe sulle scelte anche se non ha capito come mai giocatori arrivati con un buon pedigree, siano andati così male. Colpa dei cambi degli allenatori ? Lo spettacolo modesto del Genoa in campo nella gestione Malesani e Marino, ancora è tutto da capire, perché nessuno dei due ha ancora ammesso pubblicamente quali sono state le difficoltà alle quali sono andati incontro.
C’è tanta amarezza in Preziosi e la sua famiglia anche se permane ancora la voglia di salvare il futuro del Vecchio Balordo Il Joker è consapevole che in un campionato a venti squadre il livello è talmente basso che bastarebbe pochissimo per fare buoni campionati, se supportati da un pizzico di fortuna non solo sul terreno di giuoco ma anche dentro l’infermeria.( lino marmorato)