Stampa
17
Gen
2008

SAMPDORIA AI QUARTI:POKER AL CAGLIARI

Pin It

La Sampdoria vince 4-0 e guadagna la qualificazione ai quarti finale battendo nettamente il Cagliari di Ballardini. È stata una trasferta lampo per i sardi partiti nel primo pomeriggio e subito rientrati a Cagliari dopo la partita. I rossoblu si presentano nella versione bis, tanti giovani in campo per cercare di difendere l'uno a zero conquistato all'andata. L'idea è quella di giocarsela senza troppi problemi, cercando di contenere la squadra blucerchiata. Ma il progetto si spegne dopo appena 4' quando sugli sviluppi di un calcio d'angolo battuto da Volpi interviene di testa Bonazzoli che infila Fortin dalla brevissima misura.

Samp poker al Cagliari, doppietta di Bonazzoli, gol di Palombo e Sala, vola nei quarti di finale di Coppa Italia.
Conta il risultato per come è maturato, con le stesse armi che hanno steso gli altri isolani il Palermo.
In Samp Cagliari Mazzarri ha ritrovato il Bonazzoli vecchia maniera, non perché ha sbloccato il risultato di testa, ma perché ha giocato finalmente 90’ interi. La Samp ha ritrovato un altro guerriero contro gli isolani: Gennaio Del Vcchio. Cassano e Bellucci si sono divertiti a fare staffetta  ,questo è lo spirito della Samp 2008.

Difficile parlare della partita troppo la supremazia blucerchiata per merito dei giocatori di Mazzarri m anche per demerito di Ballardini tecnico del Cagliari che ha presentato al Ferraris una squadra di ragazzini  arrivati in gita premio con un viaggio avventuroso su un volo charter di andata e ritorno in 8 ore. Il Cagliari oltre a perdere la partita ha perso anche la faccia.

La partita è finita con la Sud che gridava “Coppa Italia sarà” sotto con la Roma nei quarti, ma la Samp e Mazzarri sono già proiettati alla gara con la Juventus di domenica prossima. Stamattina già al Lavoro. La premiata ditta Cassano&Bellucci meditano uno sgambetto alla Vecchia Signora, visto e considerato la batteria difensiva a disposizione di Ranieri, mai dire mai.

Ma per fare tutto ciò la Samp all’Olimpico di Torino dovrà ripetersi tipo Ferraris, e dimenticare le trasferte del 2007.