Stampa
14
Gen
2007

SAMPDORIA FIORENTINA UN PAREGGIO CON L'AMARO IN BOCCA

Pin It

Samp Fiorentina finisce 0 a 0 dopo 24 anni , e lascia l’amaro in bocca ai buongustai del calcio , perché la gara ha offerto poche emozioni sotto il profilo del gol, che aveva bene abituati nelle ultime partite.
Sul piano del gioco, del fisico e atletico ha vinto la Samp, contro una Fiorentina che reduce dal ritiro esotico pubblicitario è sembrata imballata.
Samp molto aggressiva e concetrata, peccato nel primo tempo i molti errori,di fraseggio.
Samp che sfrutta al meglio le corsie laterali specialmente con le sovrapposizioni di Maggio
La Fiorentina ha deluso nei piedi buoni e specialmente negli ultimi 30m, neanche un pallone giocabile per Toni, ben  controllato dall’attenta coppia Falcone Accardi.
Quest’ultimo una sorpresa, neanche un fallo sul mundial , reattivo l’ex ‘palermitano con buona personalità ha armato il suo sinistro nelle ripartenze.
Chi ha sbadigliato in Samp Fiorentina, non ha elencato i fatti della gara, i tiri in porta 14 per la Samp e 4 per la Fiorentina.
Il pareggio sta stretto a Novellino, che ha tentato in tutti i modi di cambiare il destino del risultato che sembrava incollato sullo zero dai primi minuti di gioco, facendo ruotare tutto l’arsenale d’attacco in 95 minuti.
Quagliarella ha disagio nel primo tempo marcato strettamente, nella ripresa spostato sull’out destro, avendo più spazio ha liberato la sua fantasia, duettando con Flachi al rientro, anche se in quella posizione per il napoletano è difficile unire qualità e quantità.
Palombo è il giocatore più ,, come Patti Bravo, Novellino lo ha fa girare come una Trottola sul terreno di gioco, non ha mai  perso la testa, la facilità di giocare in molti ruoli, lo elegge il playuniversale di questo girone d’andata.
Gira a 24 punti la Samp, in piena bagarre Uefa,con Catania ed Empoli davanti, in un campionato stranissimo, mai vista la differenza del 50%esatto di punti tra la prima l’Inter 51 punti e la quarta 26 il Catania,il Milan è alle spalle, ma Novellino con due innesti al posto giusto può giocarsi senza sognare l’Europa.

IN COLLABORAZIONE CON RADIO NOSTALGIA

-Lino Marmorato-