Stampa
20
Set
2010

SAMPDORIA NAPOLI 1 A 2

Pin It

Sampdoria Napoli 1 a 2 . Gol di Cassano(100 gol da professionista), Hamsik e Cavani.
Alla Samp salta il Ferraris dopo quasi venti mesi, (Vittoria del Palermo) era dal gennaio 2009 che non perdeva tra le mura amiche la Garrone band.
La Samp va in vantaggio ad 13  minuti dal termine compresi i recuperi con  un rigore di Cassano ,  ma  troppo presto

 

ha  vezzeggiato  la vittoria . La Samp di Di Carlo si addormenta nei finali di partita   e si fa fregare dal Ciuccio  nello  spazio  che piace di  più agli azzurri:  gli ultimi 5 minuti delle partite.
Sembrava un’altra buona  serata blucerchiata con il Napoli che produceva giuoco ma non  gol e Cassano che metteva dentro il rigore, ma in  due minuti  di marcature sbagliate  di Cassano e Mannini uccellati nel primo gol da  Hamsik e quello di Gastaldello su Cavani autore della seconda segnatura partenopea ,  hanno confezionato una colossale frittata amara per tifosi blucerchiati che già assaporavano il primato solitario  in  classifica.
La sconfitta della Samp contro il Napoli è avvenuta con le quasi identiche modalità già successe contro il Werder Brema. Di Carlo non è  come Paganini ed  sembra aver  replicato.
Di Carlo perché ha sostituito Guberti il migliore in campo con Mannini ? Perchè la Samp non riesce a tenere i vantaggi sul finire di partita ? Un problema di testa ?
Domande a cui dovrà rispondere al più presto il tecnico blucerchiato.
Stanca la Samp  negli anticipi e mai prima sul pallone,   le ripartenze lente  specialità blucerchiate,   hanno fatto fare la partita agli uomini di Mazzeri che hanno prodotto tanto giuoco ma solamente corner.
La risposta più semplice sarebbe addebitare la prova sotto tono della Samp alla partecipazione all’Europa League  di giovedi scorso  ma sarebbe sbagliato.
 Contro il Napoli non sono entrati  in partita coloro  che sono  stati i panchinari in Olanda  e coloro che erano riamasti  a  Bogliasco a curarsi.
Con Pazzini sottotono Cassano può fare solamente giocate finalizzate solamente a se stesso. Con Palombo troppo solo nel mezzo del campo con Semioli e Dessena ai suoi lati  che garantivano poca copertura la Doria ha sofferto tremendamente il centrocampo partenopeo e le ripartenze sulle corsie laterali di difensori ed esterni azzurri.
L’entrata di Pozzi per Pazzini potrebbe essere arrivata in ritardo: Pozzi gioca verticalmente come Pazzini ma aiutava  anche la squadra nei ripiegamenti.
Nel primo  tempo meglio il Napoli, ma il grosso errore della Samp è stato quello di aver permesso  a Lavezzi ,  che non giocando da punta ma tra le linee blucerchiate e spesso partendo  dal mezzo del campo , di spaccare  il centrocampo doriano con le sue accelerazioni..
Dessena preoccupato di seguire il “pocho”, lasciava spazi e campo a Gargano e Pazienza i due mediani partenopei che attaccavano negli spazi, permettendosi  anche il lusso di aiutare nei raddoppi i difensori preoccupati di Cassano e Pazzini.
Nel secondo tempo Samp più viva, con Guberti salito in cattedra pronto  ha portare scompiglio alla “Lavezzi” tra le linee degli azzurri la musica doriana cambiava.
Però il vero e bello giuoco da entrambe le parti è incominciato a rifiorire quando è iniziata  ad apparire la stanchezza e le squadre si sono allungate .
Uno spettacolo vedere entrambe le squadre con la voglia di fare propria la partita e nello spettacolo dentro gli spazi con l’ingresso  di Pozzi
rispuntava sul prato  del Ferraris il “fiore” Cassano.
Di Carlo garantisce : "Pagate a caro prezzo le ingenuità, ma la Sampdoria non molla”.
Furioso il direttore Gasparin: Non è possibile che una squadra come la nostra prenda un gol del genere su un calcio da fermo. Una squadra come la nostra, giocatori come i nostri su una situazione di palla inattiva devono fare attenzione, non si può lasciare tutto questo spazio ad un avversario”.
Mercoledì nuovamente in campo e la speranza che la sconfitta della Samp sia una lezione per tutti  e la concentrazione dei giocatori blucerchiati in futuro sia fino al fischio finale del direttore di gara.
Mercoledì si gioca e la Samp sempre con la valigia in mano sarà  di scena  al S.Elia di Cagliari. 

                                       (Lino Marmorato)