Stampa
16
Mar
2007

SPEZIA AREZZO LA SQUADRA CHE SI TROVERA' AD AFFRONTARE SODA

Pin It

SPEZIA - AREZZO Che Arezzo sarà quello che affronterà sabato al Picco lo Spezia.
E’ tornato Antonio Conte  di Martedi sulla panchina degli amaranto, dopo la sconfitta di Trieste la Dirigenza ha licenziato Sarri, il Mister in nero.
L’Arezzo di sabato scorso quello che ha giocato contro il Genoa, una brutta gara da ambo le parti, ma con un difetto in più per gli aretini hanno giocato un tempo 11 contro 10 per l’espulsione di Stellini e non ha hanno fatto un tiro in porta, la stessa situazione era capitata anche a Bari la gara precedente espulsione di Gabbiani del Bari,ve lo potrei raccontare  visto dal campo.
La forza dell’Arezzo sono i due attaccanti Floro Flores e Volpato, più la loro riserva Martinetti
Che fanno reparto da soli .Poco il gioco con lanci lunghi per gli attaccanti , due tre volte hanno messo in imbarazzo la difesa del Genoa . Difesa amaranto  sempre in crisi ,  in difficoltà con i palloni bassi ed uno contro uno.
Tornato Conte ,all’ex  juventino piaceva giocare il 4 3 3 , le  tre punte Bondi  Floro Flores e Volpato, cosa cambierà ?
Non fece molti risultati prima del licenziamento,trova la squadra a 18 punti in classifica, ma sempre con 6 punti di penalizzazione. Sabato sentiti i dirigenti toscani credono in uno forte sconto nel processo di Aprile. Conte potrebbe cambiare tattica essere più prudente aspettando  la sentenza, i play out attualmente con la penalizzazione  sono a 7 punti.
Solo il Picco sabato potrà svelare qualcosa di più.
Soda al Martelli di Mantova ha conquistato un punto d’oro e podarsi stretto dicendo che non è stato facile contro Di Carlo dovevano avevano toppato in molti.
Importante adesso assolutamente  non toppare con l’Arezzo , la salvezza passa per il Picco, ma bisognerà aiutare  il vetusto stadio con la grinta e il cuore messo in campo nelle ultime gare.
Guai pensare all’Arezzo già condannato, sarebbe l’errore dei Galletti baresi  di due settimane fa,ci hanno lasciato le piume.

IN COLLABORAZIONE CON RADIO NOSTALGIA

 Lino Marmorato