Stampa
03
Dic
2007

TORINO GENOA. GEMELLI IN TUTTO

Pin It

Torino Genoa, gemelli in tutto per tutto nel posticipo al  Comunale. Nel risultato 1 a 1 , nel brutto primo tempo, nelle sostituzioni che hanno rianimato la partita, nei gol mancati,nelle strane tattiche.L’eccesso di zelo preventivo dell’Osservatorio nel non permettere la trasferta ai gemelli rossoblu, non ha sicuramente aiutato a rifondare quella identità da stadio che, per colpa di pochi abbiamo smarrito.

Toro e Genoa , gemelli anche nelle squalifiche a centrocampo che hanno sfigurato i rispettivi assetti.
Brutto il primo tempo, Novellino butta nella mischia i tre” tenori”( Rosina Di Michele e Recoba) che steccano, e gioca con tre centrali lenti (Natali,Di Loreto,Della Fiore),inventa Lanna esterno destro,  fa finta di abiurare il suo 4 4 2. Gasperini predilige il tridente(Papa Waigo Borriello Di Vaio), una formula che rende gradevole la manovra ma fragili gli equilibri.

Tre punte per Gasperini,  ma Papa Waigo fa tutto tranne che l’attaccante, pesta continuamente la linea del fallo laterale nella zona di centrocampo finisce fuori dal gioco, e non dà mai la profondità alla squadra,da capire quanto ci mette di suo. Di Vaio fa il terzino.

Novellino  con il suo 4 4 2 si annulla Rosina costringendolo a fare l’esterno. Questo è il brutto primo tempo di Torino Genoa.

Ripresa dentro Leon , Genoa in gol. Crampi a tre “tenori granata” dentro Ventola e la partita cambia, almeno per un quarto d’ora. Scarpi salva il risultato, Sereni salvato dalla mira sbagliata di Konko, Borriello e Lucarelli. Gli ultimi dieci minuti,primo non prendere il gol che avrebbe mandato in crisi i gemelli granata e rossoblu,  legati dall’ultimo successo per 2 a 0  al Cagliari.

Il Genoa è sembrato in ripresa il punto in trasferta a Torino deve fare morale. E’ tornato Fabiano, Konko(il migliore in campo) è un giocatore universale, Borriello al  settimo sigillo stagionale (primo in trasferta) si conferma bomber di razza. Ma per fare meglio in futuro il Genoa dovrà evitare certe distrazioni,che continua a commettere il gol del Torino, secondo nel giro di un mese (dopo quello con il Palermo) , arrivato da una rimessa laterale non si può regalare in Serie A, senza essere castigati.

Adesso per il vecchio balordo,prima della sosta di Natale, arriveranno tre partite importanti e non facili con Siena e Parma in casa ed Empoli fuori, dopo si tireranno veramente  le somme per il futuro.
Bisognerà centrare questi obiettivi e poi aspirando qualcosa in più ,via alla Campagna invernale di rafforzamento, che dovrà essere mirata.

                                www.nostalgia.it      Lino Marmorato