Stampa
29
Ott
2007

TRA MINACCE E CASSANATE LA SAMP IN CADUTA LIBERA

Pin It

Tra minacce e  Cassanate la Samp è rimasta nel primo tempo nello spogliatoio  al Massimino di Catania, regalando un tempo e gol alla squadra siciliana.Non c’è da gridare clamoroso   al Cibali , se non si vuole suonare  lo spartito sotto dettatura, la Samp è alla quarte sconfitta consecutiva in trasferta , dove conta più il gioco e non la qualità dei suoi giocatori. Brutto l’episodio  denunciato dalla Samp all’arrivo negli spogliatoi, ma subito minimizzato da Marotta uomo di calcio che non ha messo in dubbio la vittoria del Catania ottenuta sul campo.

Non può essere un alibi  la tentata aggressione subita dai giocatori blucerchiati, l’inizio della gara contro il Catania.La squadra è entrata  senza spirito e non con paura,scarica e sconclusionata  e nei primi 5 minuti di gioco ha commesso due errori clamorosi che hanno  permesso a Mascara di andare in gol e a Spinesi , quasi  di raddoppiare,  per due errori ,uno di Sala ed un altro di Mirante.
Il Tridente è sceso in campo, ma il sogno è durato poco 39 minuti. Il trio Bellucci Montella Cassano si cercano , ma non si trovano., formazione blucerchiata non  equilibrata,   non pronta a sopportare il tridente.

Cassano, a  questo punto bisogna fidarsi delle dichiarazioni dei dirigenti e dell’allenatore Mazzarri, Cassano infortunato e non farlo diventare un caso.  Garrone presente in Sicilia con Marotta e Mazzarri  per non perdere lo spogliatoio,  dovranno prendere delle decisioni sulle modalità di uscita da campo di Cassano che si è autosostituito, senza neanche chiedere il parere di medico e massaggiatore, ed ha mandato a quel paese Montella e Bellucci che voleva sincerarsi delle sue condizioni.
Adesso in casa blucerchiata e dintorni si parlerà di continuità che manca, ma la continuità e i risultati nel calcio arrivano attraverso il gioco e non solo con  le giocate dei giocatori che  possono  fare la differenza in alcune  partite, alla lunga e il gioco che paga.

Mazzarri ha tanto da lavorare deve trovare tanti equilibri in questa Samp,tattici,tecnici e psicologici.
Mazzarri non può avere a disposizione Montella, Bellucci, Caracciolo, Bonazzoli,  Foti e Cassano ed avere il secondo peggior attacco della serie A,deve trovare una soluzione finale . Serve poco far girare il pallone e non arrivare mai al tiro attraverso un barlume di gioco.

                                           Lino Marmorato