Stampa
04
Mag
2012

Udinese Genoa al Friuli

Pin It

altL’Udinese in questa settimana ha dovuto convivere con il far west scatenato dalla Lazio e sono rimasti perplessi perché contro i capitolini avevano tirato in porta 15 tiri totali di cui 10 nello specchio della porta di Marchetti. Nel mercoledì di Serie A hanno vinto il casa del

 Cesena in una partita da “trantran trantran”, con un gol irregolare realizzato da Fabbrini per un assist di Danilo in fg, contro un Cesena con mezza squadra che aveva marcato visita.
La banda di Guidolin controla Lazio ha gettato il cuore oltre l'ostacolo, dimostrando di non essere finita giocando all’unisono per il sogno stagionale:la Champions, contro il Cesena ha gestito le forze fisiche dopo il gol di vantaggio. L’Udinese dopo la contestazione del Friuli nelle precedenti partite è tornata a giocare e vincere da Udinese.
 

I friulani sono Di Natale dipendenti: se si accende la sua Luce magicamente si accende anche quella dell’Udinese. Viceversa quando si spegne. Le ultime due vittorie friulane coincidono sempre con una sua grande prestazione di Di Natale anche se i Fabbrini, Torje, Abdi, Barreto e lo stesso Floro Flores ci mettono tanti buoni propositi, nessuna certezza. L'unica è Totò e al Friuli dopo essere stati zittiti dopo il gol alla Lazio si chiedono se si può ibernare. L’Udinese è stanca ha iniziato la stagione ai primi di Luglio 2011 ma ha recuperato qualche giocatore come Basta, ed al ritorno dalla Romagna anche Badu e Benatia da squalifica che sta tornando dopo l’infortunio un motorino inesauribile ed sforma sempre giovani di belle speranze oltre Fabbrini che tutti

conoscono per il suo passato all’Empoli ma soprattutto in Under 21, all’orizzonte dei Pozzi e delle loro plusvalenze con profitto spunta : El Tucumano Pereyra argentino del 1991 centrocampista che arriva dal River Plate. L’Udinese dice il suo tecnico Guidolin che deve raschiare il fondo delle sue energie contro il Genoa. I friulani sono una squadra fatta per aggredire l’avversario dai primi minuti. Non sono un diesel, non lo sono mai stati , con questo modo di giocare guardano il terzo posto in classifica ,ripetendo lo splendido campionato dello scorso anno pur senza Sanchez, Inler e Zapata. Guidolin è anche consapevole che ci vuole costanza e non si fida della disperazione del Genoa. presenterà contro il Grifo il solito e rodato 3-5-1-1 ( lino marmorato). (