Stampa
25
Mar
2008

UN CAPOLAVORO LA VITTORIA DEL GENOA CON IL PALERMO

Pin It

Il Genoa alla vigilia di Pasqua si è trovato la salvezza dentro l’Uovo di Pasqua vincendo a Palermo. I Genoani  a Pasquetta non hanno  digerito l’uovo pasquale considerate le dichiarazioni di Gasperini,  che danno e daranno  fiato alle trombe. Andiamo per ordine di tempo. La vittoria contro il Palermo è stato un piccolo capolavoro strategico,partenza anticipata per l’Isola al giovedì per recuperare forze, e tattico:  l’Orchestra di Gasperini ha battuto per 3 a 2 i solisti di Guidolin.

Quando il Genoa gioca alla Gasperini riuscendo a formare un buon blocco, con una squadra sempre molto corta, con i  difensori che vanno e gli  attaccanti che rientrano, con giocatori che giocano molto senza il pallone e negli spazi in profondità,  è dura per qualsiasi avversario dei rossoblu. Nel campionato italiano si vince in trasferta con Napoli,Lazio, Udinese e Palermo solamente attraverso il gioco.

Il gioco di Gasperini da sicurezza ai calciatori, che possono contare sempre dell’aiuto del compagno con raddoppi continui,  pressing efficace e la possibilità  di poter giocare il pallone con poche possibilità di errore, avendoli sempre vicini e smarcati.
Il 3 4 3 anche a Palermo ha però  dimostrato che quando sbagli un passaggio,  è subdolo,e il rischio  di pagarlo subito è consistente.

Il Genoa a Palermo ha dimostrato che di non essere Borriello dipendente, avendo ritrovato un buon Lucio Figueroa, quasi programmato per questo finale di campionato dallo staff medico-  tecnico-atletico del Genoa.
La vittoria sul Palermo e i molti complimenti ricevuti da Gasperini prima e dopo la partita con i rosa nero  per molti hanno fatto “fulminare” il Gaspe sulla via di S.Rosalia, con le sue dichiarazioni di Pasquetta.
Gasperini è un computer alcune settimane fa in conferenza stampa dopo la sconfitta di Cagliari disse:” che a salvezza avvenuta sarebbe stato più chiaro, per quanto riguarda l’aspetto tattico di questa squadra e non solo. “ Ci sono troppe polemiche in questo senso, ha detto Gasperini ,l’interesse spasmodico intorno al modulo e alla disposizione in campo alla volte mi pare francamente eagerato(probabilmente non solo da parte dei media, dei tifosi, ma  anche da dentro la Società) ho  sempre pensato che a contare dovessero i risultati e il gioco espresso. Ed allora c’è qualcosa che non mi quadra,anche perché  mi  sembra un caso unico. Dalle altre parti non è così”.
È stato di parola  a salvezza avvenuta ha mantenuto la sua promessa, può darsi sbagliando i tempi e non in una conferenza a Villa Rostan e con la Società presente.

Quando dice che la squadra ha superato la Società sull’organizzazione, visto il risultato raggiunto con 8 giornate d’anticipo non dice nulla di falso . Gasperini è consapevole che  un conto fare dei risultati sportivi ,un conto darsi un’organizzazione perfetta dopo 12 anni di assenza dalla massima serie, ma i progressi  societari  crescono di giorno in giorno,cercando di mettere  un tassello per volta.

Gasperini, probabilmente ,si è portato avanti con il lavoro. Avendo firmato per 5 anni con il Genoa, vorrà per il futuro più carta bianca per decidere le sorti non solo tecniche del Grifo.
Adesso è importante  chi vuole bene al Genoa, non giocare e ricamare  troppo con le parole di Gasperini,  almeno che non si voglia rompere il giocattolo costruito dal Presidente Preziosi.

Gasperini non vuol andare al Palermo. Non è fesso e conosce bene la storia del calcio  e di Zamparini che prima di Palermo fece la medesima operazione con Prandelli portandolo via dal Verona , promettendogli mari a monti sulla Laguna di Venezia, e poi…
Gasperini ha detto solamente che vuol sedersi intorno ad un tavolo con il Presidente e programmare il futuro rossoblu con anticipo, come auspicato da tutti i genoani da molto tempo, e in questo anno bisesto il Vecchio balordo per una volta ne avrà  le possibilità.

Dimenticavo Borriello in Nazionale. Per molti è quasi fatta la sua convocazione per gli Europei. Borriello alla sua prima intervista , ha parlato:  della Nazionale ,del suo futuro tra Genoa e Milan dicendo  che la convocazione per la Svizzera e gli Europei deve ancora guadagnarsela giocando  bene e non andare in panchina.
Anche,  queste parole saranno elaborate e vivisezionate ,e non faranno il bene del Genoa, anche se  neanche lui ha detto niente di assurdo e di polemico.

                                                             Lino Marmorato