Stampa
03
Nov
2008

UNA MAGIA DI BELLUCCI: SAMPDORIA TORINO 1 - 0

Pin It

Samp Torino 1 a 0 . Una Magia di Bellucci di tacco  al 40’ del secondo tempo regala la vittoria alla Samp, e la tira fuori dalla zona pericolo.
Samp  fortunata e cinica , contro un Torino che per lunghi tratti ha  cercato di dominare il gioco, creando occasioni da gol non concretizzate grazie anche alla bravura di Castellazzi.
La Samp di Mazzarri pur giocando male, sta tornando la squadra dello scorso anno, ancora non perfetta, ma i 6 punti conquistati contro Bologna e Torino al Ferraris  potrebbero essere una buon ricostituente non solo per la classifica.
La Samp per adesso è più aggrappata alle giocate di Bello Bello  che a quelle di Cassano. Peter Pan è entrato in partita solamente  dopo il gol annullato al Torino, ingiustamente.
Il gol di Amoruso annullato e il scampato pericolo hanno dato la scossa alla squadra di Mazzarri, già elettrizzata all’inizio del secondo tempo dopo il “Thè  viola” alla rabbia,   di Mazzarri;  furibondo il tecnico doriano  perché il centrocampo del Toro arrivava prima sul pallone rispetto ai suoi ragazzi.
Tra le nomination di giornata su tutti Bellucci, che ha portato alla vittoria la Samp raddoppiando il gol sicurezza  contro  il Bologna di sette giorni prima  ; Padalino cresce di partita in partita ed alcuni suoi tagli dentro le difese avversarie,   su lanci di Cassano, lasciano il segno e   fanno sperare bene, Castellazzi oltre dare sicurezza alla sua difesa ha salvato in almeno due occasioni la porta blucerchiata.
Il Torino recrimina, giustamente, per il gol annullato, ma De Biasi dovrebbe farsi  un’esame di coscienza, già annunciato da noi nella presentazione della gara di Venerdì: perché il Torino parte forte e dopo si  affloscia  e prende regolarmente gol,  e non riesce a reagire; questione  tattica o fisica ?
E dopo aver nominato i migliori in campo una citazione  a Mazzarri, 12 uomo in campo, in gabbia nell’area tecnica, ha trascinato con urli e gesti ,  la Samp alla seconda vittoria in questa campionato.

Lino Marmorato