Stampa
14
Ott
2011

Verso Genoa Lecce

Pin It

altMalesani avrà tutta la rosa a disposizione solamente sabato nella rifinitura. Seymour e Jorquera hanno perso l’aereo, arriveranno oggi in Italia. La scelta della formazione che affronterà il Lecce sarà decisa nella mattinata di domenica , quando si farà un “tagliando” definitivo a tutti i

 giocatori impegnati nelle partite internazionali. Il modulo non dovrebbe cambiare in difesa e senza il recupero di Mesto solo un ballottaggio tra Antonelli e Moretti sulla corsia sinistra , con Rossi a destra ,Dainelli al rientro da squalifica e Khalazde al centro. I dubbi sono a centrocampo, l’unico sicuro di giocare è Veloso per gli altri due posti ballottaggio tra Merkel, Costant Seymour, e Kucka. Lo slovacco dopo aver guardato negli occhi Malesani e la dirigenza rossoblu, dopo le esternazioni della scorsa settimana, dovrebbe giocare , da lui tutti si aspettano una gagliarda partita , come le ultime due giocate con la Slovacchia.

Ecomission scooter elettrici

Tra Merkel, Costant e Seymour in vantaggio è il baby tedesco, Costant in panchina a riflettere e il cileno, tradito dal Cile che non lo ha mai utilizzato , difficile mandarlo in campo con la sola rifinitura nelle gambe; Jorquera nelle stesse condizioni del compagno di nazionale. In attacco Palacio e Caracciolo. L ’Airone vuol fare gol ed oltre volare , vuole mettersi due pollici in bocca modello ciucciotto per festeggiare i gemelli arrivati la scorsa settimana. Senza Jorquera , 4 3 3 con Jankovic nel suo ruolo preferito, con il serbo in campo prenderebbe campo la formula studiata in settimana con Bovo davanti alla difesa e il centrocampo più libero ad offendere. Quante dubbi: la risposta al Ferraris e al fischio d’inizio di Gava di Conegliano Veneto.
Buone notizie ricevute dagli esami di controllo effettuati ieri a Pavia per Ze Eduardo. Il brasiliano scalpita ed ha annunciato di essere pronto fra una quindicina di giorni. Lecce in crisi dopo la sconfitta casalinga prima della sosta. Non è più il Lecce brillante di De Canio dello scorso anno che aveva raggiunto la salvezza con una giornata di anticipo, attraverso un giuoco e lanciando giovani interessanti. I salentini sono ripartiti da un allenatore emergente come Eusebio Di Francesco, che ha ben lavorato in Serie B a Pescara. Ma la continuità del progetto "decaniano" derivava soprattutto dall'intenzione di puntare ancora su un gruppo misto di giocatori già pronti (il portiere Julio Sergio, il rientrante Carrozzieri e i soliti Giacomazzi e Di Michele) e di ragazzi vogliosi di guadagnarsi le luci della ribalta: Esposito ritorna a casa dopo l'esperienza tutt'altro che esaltante di Bologna, Strasser e Bertolacci sono garanzie per il futuro e Piatti.

Tutto ciò è bilico per la precarietà dello spogliatoio nei confronti del tecnico dopo le sue parole dette alla fine di Cagliari Lecce, con accuse specifiche. Dopo la terza sconfitta consecutiva casalinga ad opera del Cagliari , il Lecce si ritrova senza punti fermi e senza riferimenti. Una squadra che ha dimostrato vistose lacune soprattutto in difesa, reparto messo sotto accusa dallo stesso allenatore . Il Lecce gioca con un 4 4 1 1 volenteroso , zoppo dentro le aree avversarie, ovvero una prima punta capace di catalizzare l’azione e tradurre in gol gli sforzi della squadra. Al Lecce manca la profondità e le azioni sono create solamente sulle fasce , però non vengono trovate soluzioni per trovare la via del gol. Ai salentini manca il giusto equilibrio tra difesa(9 reti subite)e in attacco(3 gol realizzati). I dirigenti pugliesi non sono ancora riusciti a sciogliere il nodo Diamoutene, reintegrato in rosa ma sempre contestato dai tifosi: Eusebio Di Francesco continua a predicare che il difensore sarebbe importante. La sorpresa del Lecce e il giovane Cuadrado arrivato dall’Udinese che si unirà ai compagni nella giornata di sabato di ritorno dalla Colombia.

Contro il Grifone rientrano da squalifica l’ex Esposito e Grossmuller. Carrozzieri e Olivera da valutare. Annunciati cambio di uomini e probabilmente di schieramento(4 3 1 2 ) dall’allenatore con le ore contate sulla panchina salentina. Tutto potrebbe cambiare, il tecnico mercoledì ha perso lo stopper Ferrario e giovedì nella partita contro la Primavera, il leader Di Michele, entrambi stirati, a lungo ai box. Nuova coppia di centrali al Ferraris, in ballottaggio Tomovic, Oddo gli ha portato via il posto sulla corsia laterale e l’ex rossoblu non gradisce giocare nel mezzo con Esposito, Carrozzieri o Diamoutene, difficile anche ieri ha svolto un lavoro differenziato.( Lino Marmorato)

 

 

Skype Me™!
Seo e web marketing in Liguria
burgman 650 experience
Agenzia della entrate