Stampa
20
Dic
2017

Arredamento moderno, cosa aspettarsi dal prossimo anno

Pin It

L'attesa per il 2018, anche per ciò che riguarda il settore dell'arredamento, è caratterizzata dall'arrivo di importanti sorprese. Una delle più significative, per esempio, è rappresentata da un prepotente ritorno degli anni Cinquanta: il revival dei Fifties prevede il ricorso a mobili classici e a complementi di arredo dal sapore retrò. Ma ovviamente non si tratterà di soluzioni esattamente identiche alle originali, quanto piuttosto di riproposizioni che saranno in ogni caso rivisitate in una chiave contemporanea, con delle interessanti contaminazioni tra il moderno e l'antico, ma anche tra il minimalista e il classico. 

designer, pertanto, saranno chiamati a rinnovare supporti già visti con delle commistioni tra il presente e il passato il più possibile originali. Anche lo stile etnico tornerà decisamente in voga: già negli anni scorsi si erano registrati segnali in questo senso, ma a partire dal prossimo anno a dominare saranno i materiali basic e le tonalità cromatiche vivaci. Non mancheranno i rimandi alle tecnologie più innovative, con accostamenti tra elementi di ultima generazione e materie prime naturali.

Proposte per tutti i gusti

Insomma, chi ha in mente di arredare la propria casa o uno solo degli ambienti del proprio appartamento nei prossimi mesi può contare su un vasto campionario di soluzioni: gli amanti dell'eleganza non possono che scoprire il catalogo di Poltrona Frau, mentre coloro che desiderano azzardare e osare un po' di più possono sposare una corrente afro-chic. Per chi non la conoscesse, si tratta di una tendenza etnica che prevede di rivisitare lo stile di arredamento africano in una versione contemporanea, con trame articolate e tonalità vivaci. Molto apprezzato il ricorso a complementi come i cesti intrecciati e i drappi, ma anche la componente eco-sostenibile viene tenuta in considerazione, con uno sguardo puntato sull'hi-tech. 

Per ciò che concerne i colori, il blu e il greenery dominano, con la declinazione del verde che farà capolino non solo nella zona giorno ma anche in camera da letto; non mancheranno gli accostamenti con il bianco, resi possibili da una nuance che fa della versatilità il proprio punto di forza. A proposito del bianco, c'è da dire che nelle ultime stagioni ha avuto un ruolo da protagonista che, tuttavia, attualmente è stato un po' ridimensionato, anche se è chiaro che si tratta di un colore che è presente praticamente in tutte le case. A definire la prossima stagione sarà, però, soprattutto il blu, che verrà interpretato in un ampio assortimento di declinazioni, con varianti non vincolate al pantone, in modo particolare per le stanze dei ragazzi e per le cucine. Appare evidente la tendenza a concentrarsi su colori vivaci e intensi, discreti e che non risultino troppo ingombranti, così che gli arredi possano essere messi in risalto senza andare a oscurare le linee di design.

L'ascesa del grezzo

Il boom del grezzo sembra essere la costante principale dal punto di vista dei materiali, insieme con l'ascesa di tutte le forme del naturale, nel solco dell'impronta afro-chic di cui si è parlato. In termini pratici, ciò si traduce nell'impiego delle fibre intrecciate, del vimini e del bambù, per un effetto naturale che viene ulteriormente valorizzato proprio dal greenery.

Per la zona soggiorno c'è da mettere in evidenza, infine, una tendenza di arredo improntata al total black, soprattutto se accostato al legno: scelto per le pareti, ma non solo, si collega alla necessità di dotare il salotto di un supporto verticale che sia in grado di ospitare, in una soluzione unica, un impianto audio, un televisore e una libreria, in virtù di una utile ottimizzazione degli spazi