Stampa
25
Ott
2017

Come arredare la casa con una poltrona di design

Pin It

Una poltrona di design è un complemento di arredo perfetto per arredare una casa con uno stile elegante ma funzionale: certo è, però, che non ci si può limitare a questo elemento per ottenere dei risultati apprezzabili. Quali sono, allora, le idee che è bene tenere a mente per rendere la propria abitazione unica e speciale? Si potrebbe partire da quella che gli arredatori di interni conoscono come la regola dell'80/20: una norma pratica che permette di evitare una banalità eccessiva nell'arredamento di un appartamento ma, d'altro canto, impedisce anche eccessi o bizzarrie pericolose. In pratica, secondo questa regola il 20% dei complementi di arredo dovrebbe essere rappresentato da pezzi d'arte o oggetti di design originali, magari contraddistinti da colori molto accesi e da tonalità cromatiche azzardate, mentre il restante 80% potrebbe essere dedicato alla "normalità". Questa proporzione dovrebbe fare sì che l'arredamento non risulti troppo noioso da un lato o eccessivamente kitsch dall'altro lato.

Poltrone e soffitti: le scelte migliori 

Come detto, inserire in soggiorno una poltrona di design è una scelta vincente, ma è bene tener presente che lo stesso elemento può trovare spazio anche in un altro ambiente, come per esempio la camera da letto o la mansarda: se si è in cerca di modelli originali e fuori dal comune, si può optare per le poltrone di design Cappellini, un marchio che è sinonimo di qualità in questo settore. Nell'arredamento, poi, si deve prestare attenzione anche ai soffitti: a volte, infatti, ci si trova alle prese con soffitti piuttosto bassi, che sono fonte di disagio e di difficoltà dal punto di vista stilistico.

Ebbene, per rimediare a questo inconveniente è sufficiente utilizzare dei mobili bassi: le poltrone, appunto, ma anche i tavolini da caffè, gli sgabelli e i divani. L'importante è che non siano troppo alti, così che possano far scaturire l'illusione di soffitti meno bassi rispetto a quanto non lo siano realmente. Sempre per ottenere lo stesso effetto, si può pensare anche di verniciare il soffitto usando una tonalità cromatica fredda e le pareti con lo stesso colore ma declinato in una sfumatura più calda.

I colori

A proposito dei colori, uno degli sbagli più diffusi tra chi è in procinto di rinnovare il look della propria abitazione consiste nel non definire in anticipo e con la dovuta chiarezza una palette di colori ben precisa. Il problema, in una situazione del genere, è rappresentato dalla casualità degli arredi che deriverebbe dalla mancanza di uno schema di tonalità cromatiche definito ad hoc. Così ci si ritrova con un'accozzaglia confusa e senza senso di colori che possono tramutarsi in un effetto disordinato.

Per raggiungere questo scopo, è importante privilegiare - ogni volta che se ne ha l'opportunità - i colori complementari: essi, infatti, fanno in modo che gli occhi non si stanchino e, anzi, si rilassino. La ruota dei colori è lo strumento a cui ci si deve affidare per sapere come agire e per trovare combinazioni di tonalità che renderanno più bello ogni ambiente.

Non bisogna aver paura di ricorrere ai colori neutri: a definire il look e lo stile dell'abitazione ci penseranno le poltrone di design e gli altri complementi di arredo. Le tinte neutre, infatti, garantiscono un vantaggio molto importante: esse sono in grado di invecchiare bene e non subiscono l'usura degli anni che passano. Così, si integrano alla perfezione in contesti caratterizzati da un arredamento senza tempo. Per renderli più interessanti, poi, si può utilizzare la texture, in modo tale che non risultino privi di personalità.