Stampa
26
Giu
2018

Scrivanie in legno massello: il giusto compromesso tra la parte estetica e quella funzionale

Pin It

Nella scelta di un mobile per la casa ci sono molte valutazioni da fare. Come prima cosa bisogna fare i conti con il budget che si ha a disposizione. Solo a questo punto si possono fare delle considerazioni su come allocarlo, in base alle esigenze  funzionali ed estetiche. Gli spazi sono l’altro aspetto da tenere necessariamente presente: acquistare dei bei mobili ma non poterli utilizzare sarebbe un errore troppo grossolano da commettere. Dopo aver fatto le giuste valutazioni rispetto a questi due elementi, si può passare alla struttura del mobile: i materiali, le finiture e tutto ciò che riguarda la parte estetica.

Tra i mobili più pregiati e richiesti sul mercato ci sono le scrivanie in legno massello. Vediamo quali sono le  peculiarità di questo elemento di arredamento.

Perché scegliere una scrivania in legno massello

Il legno rappresenta uno dei materiali più utilizzati e richiesti attualmente tra gli elementi di arredamento. Esso racchiude in sé tanti pregi: è in grado di arredare con gusto e raffinatezza i più disparati ambienti. Da quelli più formali a quelli più retrò, fino ad arrivare a quelli più moderni: tutti gli ambienti vengono arricchiti dal caldo colore del legno, che li avvolge dando un senso di morbidezza e tranquillità. Ma quale lavorazione scegliere tra le tante a disposizione?

Chiariamo subito un aspetto: il legno massello è uno dei materiali più resistenti in assoluto, oltre ad essere molto apprezzato sul piano estetico. E le due cose, c’è da dirlo, vanno praticamente di pari passo. Il fatto che duri più a lungo rispetto ad altri materiali, infatti, consente al legno massello di conservare molto a lungo la propria solidità e la propria lucentezza. Per queste ragioni la scelta di una scrivania in legno massello sembra la più consigliata, in particolar modo se si intende fare un investimento sul lungo periodo. Nel caso in cui ci servisse solo un piano d’appoggio per un breve lasso di tempo, si potrebbe invece puntare su una scrivania in legno massiccio o in lamellare.

Legno massello e legno massiccio: ecco le differenze principali

Spesso la differenza la fanno dei dettagli riguardanti le lavorazioni e le finiture. Si tratta anche del caso di legno massello e legno massiccio, che differiscono essenzialmente per queste ragioni. Sono entrambi elementi molto resistenti e di grandi pregio ma la differenza risiede nel fatto che il legno massello deriva dalla lavorazione di diversi assi di legno tenuti assieme  senza l’utilizzo di truciolati, mentre il legno massiccio deriva dalla lavorazione di un solo tronco. Questo comporta una maggiore resistenza nel tempo del legno massello, che mantiene intatti e vividi i suoi colori e la sua lucentezza.

Questo naturalmente comporta anche una differenza generale di prezzo: una scrivania in legno massello può costare dalle 150 alle 250 euro a seconda di alcuni dettagli nelle finiture. Una somma ampiamente giustificata dal fatto che questo tipo di arredamento non avrà bisogno praticamente di nessun intervento di aggiustamento.