Stampa
08
Feb
2017

Un modo intelligente di proteggere la casa

Pin It

Nessuno può garantire al 100% la protezione della propria casa contro eventuali tentativi di effrazione e furto perché ladri esperti, dotati delle più sofisticate attrezzature, sono in grado di poter perpetrare il crimine entrando in ambienti anche efficientemente protetti.
Nonostante il fatto che questa possibilità si possa verificare anche in presenza di strumenti posti come deterrente, ciò non impedisce il fatto che rendere complicata la vita ai malviventi possa essere una soluzione da applicare per proteggersi il più possibile da brutte sorprese.

Ciò di cui abbisognano i ladri per compiere il loro crimine oltre alla indispensabile abilità e ai mezzi necessari per l’effrazione, è il tempo. E questo impone un teorema di facile intuizione: maggiori sono i sistemi previsti per evitare il furto e maggiore sarà il tempo che il ladro dovrà impiegare per guadagnare l’accesso e, di conseguenza, maggiore sarà il rischio che si dovrà assumere.

 

Un modo intelligente per proteggere la propria casa e gli oggetti contenuti è quello di prevedere l’installazione di un efficace antifurto che possa implementare una porta blindata munita di una serratura di alta qualità ed eventuali infissi anti-intrusione.
Un antifurto casa, per essere considerato sicuro, deve prevedere un mix di input che vengono azionati nello stesso momento in cui qualcuno cerca di introdursi in uno spazio coperto dall’antifurto dove l’allarme sonoro, quello visivo e messaggi telefonici che avvisano del pericolo di furto sono tutti simultaneamente azionati in modo automatico.
Appare evidente che la protezione viene realizzata da dei sensori volumetrici  che consentono di rilevare qualsiasi presenza all’interno dello spazio da proteggere e da sensori perimetrali che si attivano solo quando porte e finestre vengono aperte in modo forzato. Coniugare i due sistemi permette di avere una sicurezza attiva ed ideale.
Chi sta pensando di proteggere la propria abitazione in modo ottimale può trovare degli interessanti spunti all’interno del sito internet  www.antifurtocasawireless.eu dove è possibile accedere a delle informazioni sicuramente molto illuminanti come, ad esempio, quella di sapere che l’antifurto può essere collegato ad un sistema domotico che consente una infinità di possibilità come quelle di accedere alle funzioni della centralina o anche vedere attraverso il proprio smartphone (o tablet o laptop) quanto trasmesso dalle telecamere eventualmente installate. 

Perché prevedere di posizionare un antifurto casa

Come brevemente anticipato, la presenza di un allarme posizionato in casa (o in ufficio oppure in negozio) scoraggia la maggior parte dei ladri che sanno di dover affrontare un pericoloso ‘nemico’. E tanto più è sofisticato e ben strutturato l’allarme e tanto più la vita del malintenzionato sarà complicata. 
Ecco la ragione per la quale assumere delle informazioni circa queste sentinelle, risulta essere un’azione indispensabile da compiere e il sito Antifurtocasawireless.eu può offrire una esaustiva visione delle varie tipologie di allarmi attualmente commercializzati in Italia.
Occorre avere un quadro di insiemi per avere una visione esaustiva attraverso la quale poter calibrare esattamente ciò di cui si ha bisogno come antifurto, al fine di non sprecare vanamente i propri soldi ma –al contrario- valorizzarli al meglio.

E’ indispensabile sapere che i componenti basilari di un antifurto (indipendentemente dal fatto che sia per una abitazione, un negozio, un ufficio o altro ancora) sono costituiti dalla sua centralina, ossia il suo cervello ed il suo cuore e luogo da dove viene gestita la serie degli altri componenti dell’antifurto; dai sensori e dai rivelatori che sono degli hardware fisicamente posti strategicamente individuati per assicurare la piena copertura dell’allarme stesso.
Centralina e sensori sono collegati tra loro o attraverso un cavo cablato che li unisce oggettivamente, oppure dal wireless che utilizzando onde radio, permette la comunicazione senza fili.
Se la centralina è il fulcro dell’impianto da dove partono e ritornano i comandi e i segnali dopo che siano stati tarati in base alle opportune specifiche, i sensori possono essere sia perimetrali esterni, sia rivelatori da interni, sia contatti magnetici.

E’ bene sapere che ogni sensore opera in diverse condizioni ed è per questo che i sensori perimetrali –essendo posizionati all’esterno- devono prevedere una indispensabile protezione da agenti atmosferici nonché da possibili manomissioni. Più facile la manutenzione dei rilevatori interni che non devono soffrire i patimenti di agenti esogeni e le manomissioni. I sensori inviano dei fasci di raggi infrarossi che, laddove vengano attraversati da un corpo fisico, generano degli impulsi alla centralina che si attiva per l’allarme.
Esiste anche il sensore PIR che è capace di analizzare l’elemento fisico del corpo che attraversa il suo raggio facendo un distinguo tra un corpo umano, quello di un animale o di oggetti (come rami, foglie ect) che lo avvicinano.

Ci sono anche sensori che dispongono di una tecnologia doppia che prevede sia l’infrarosso che il microonde, sensori a doppia frequenza ed altri ancora e questo deve far comprendere l’importanza che si racchiude all’interno di quella che è una vera e propria sentinella che deve essere più che efficiente.

Un sistema di allarme per la casa deve essere dotato anche di accessori che ne ottimizzano l’efficacia come dei commutatori GSM o combinatori telefonici che hanno il compito di inoltrare un messaggio precedentemente registrato, tramite linea fissa, in caso di allarme ad una serie di destinatari memorizzati all’interno della centralina.

Sempre in ambito di accessori non può mancare la classica sirena d’allarme che deve essere visivamente ben evidenziata in modo da far comprendere ai malintenzionati che quell’ambiente è protetto da un antifurto. D’altronde, oltre ad essere un deterrente psicologico, la sirena ha il compito di avvisare tutti i vicini dell’intrusione o del tentativo di furto.

Su antifurtocasawireless.eu potrete assumere ogni tipo di informazione utile anche a proposito di badge, card RFID, chiavi elettroniche, telecamere di videosorveglianza e altro ancora che vi permetterà di essere aggiornati sul mondo degli allarmi e che sarà spunto per ottimi consigli che vi aiuteranno nella scelta del sistema di antifurto casa.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di Genovapress

Inserisci il tuo indirizzo email

Ti manderemo una email
per confermare l'iscrizione