Stampa
15
Feb
2009

ALASSIO: STORIE DI TOPI E DI TOPINI

Pin It
LA BOTTEGA DEL RACCONTO
Domenica per merenda … tutta un’altra storia
spegni la TV e vieni a divertirti con noi
Domenica 15 febbraio, ad Alassio, proseguirà la seconda edizione della rassegna di teatro per bambini “La Bottega del racconto”, promossa dall’Assessorato al Turismo e alla Cultura del Comune di Alassio in collaborazione con l’Associazione Compagnia dei Curiosi, nell’ambito del circuito La Riviera dei Teatri – Provincia di Savona.
Alle ore 16.00, nell’ex Chiesa Anglicana, andrà in scena “Storie di Topi e di Topini” spettacolo scritto e diretto da Chiara Magri, illustrato dai disegni di Elisabetta Barizza, dipinti da Ferencs Hetenyi, con Chiara Magri del Teatro del Vento di Bergamo.
Topi innamorati, pantegane volanti, topolini paurosi e topastri coraggiosi. Piccoli animali, buffi e temerari, bizzarri ed impertinenti. Lo spettacolo propone tre racconti dove il microcosmo fantastico dei topolini ci indica come la forza dell’affetto, l’amicizia e l’amore possano vincere ogni difficoltà. Lo spettacolo si compone di tre storie liberamente ispirate ai racconti di Leo Linoni e Levy Didier. L’avventura d’amore di un gatto ed una bella topolina, il viaggio straordinario di un topo nella Notte di Capodanno, il primo miracolo di un topolino. Tre sapienti racconti, portati sulla scena con intensità ed umorismo da una appassionata collezionista di splendidi ritratti di topi famosi.
Dopo lo spettacolo si terrà il laboratorio “Ritratti Bestiali…conosciamoci riconosciamoci”, in cui i bambini si divertiranno a disegnare.
L’ingresso è gratuito.
PROSSIMI APPUNTAMENTI
Domenica 15 marzo 2009, in programma ci sarà lo spettacolo “Tre galline sul como’… Cococococoricò” con Monica Alessio, Mario Giudici, Tonino Pitasi, Nello Simoncini della Compagnia I Senzatetto.
Ultimo lavoro dei Senzatetto, lo spettacolo è una storia ricca di fantasia, di  ritmo, di colore ed in perenne divenire nella quale la partecipazione del pubblico di bambini, e non solo, sarà parte fondamentale, come sempre accade con il longevo e esperto gruppo guidato da Nello Simoncini.
La Bottega del racconto si chiuderà con un progetto speciale dedicato a Gianni Rodari che propone una mostra e uno spettacolo.
Dal 22 al 29 marzo, nella Chiesa Anglicana sarà allestita la mostra “Gianni Rodari. Il mio teatro” La mostra è formata da 70 quadri dedicata al rapporto tra Rodari e il teatro, e tra Rodari e Luzzati (straordinario illustratore delle sue storie, ma anche scenografo dei suoi spettacoli), dai moltissimi materiali inediti, fotografie, bozzetti originali, disegni, manifesti, burattini e altro ancora. La mostra, inoltre, raccoglie immagini mai viste di Gianni Rodari in rapporto con il teatro “alto”, lo stabile di Roma o di Torino, ma anche con quello “basso”, gli spettacoli di burattini ai quali, come dice Mariano Dolci: “Rodari avrebbe voluto aver scritto di più”.
Una larga sezione della mostra, costruita come un grande spettacolo teatrale da vedere e anche da visitare, è dedicata alle ombre del gruppo “L’asina sull’isola” di Paolo Valli e Katarina Janoskova, realizzatori dello spettacolo “Al Signor Rodari” con  le scene di Lele Luzzati e documentazione di compagnie italiane che hanno portato sulle scene spettacoli teatrali tratti dai testi di Gianni Rodari. La mostra si completa con documenti visivi d’archivio in cui Rodari parla con i bambini nelle scuole e li intrattiene sul tema del teatro.
La mostra, aperta dalle 16.00 alle 18.00, sarà integrata con un laboratorio rivolto alle scuole.
La mostra sarà inaugurata, Domenica 22 marzo 2009, alle ore 16.00 con lo spettacolo “La freccia azzurra. Racconto di Natale” di Gianni Rodari con Rossella Terragnoli e Cristina Nadrah
“Nella notte di Natale, in tutto il mondo, Babbo Natale porta i suoi doni ai bambini che sono stati buoni. Quelli italiani sono i più fortunati, perché la notte tra il 5 e il 6 gennaio ricevono degli altri regali: volando a cavallo di una scopa glieli porta la Befana, una vecchina burbera ma buona. Ma un 5 gennaio di tanti anni fa i bambini italiani rischiarono di non avere nessun dono…” La vigilia dell'Epifania è una notte magica per tutti i bambini, che aspettano l'arrivo dei doni da parte della Befana. Ma il povero Francesco rischia di rimanere senza il giocattolo da lui tanto agognato, un trenino chiamato “La freccia azzurra”, perché i suoi genitori non hanno i soldi per la Befana. I giocattoli si ribellano alla vecchietta e in questa notte magica decidono di andare direttamente da Francesco.
Lo spettacolo racconta questa moderna storia di Natale di uno dei maggiori scrittori per ragazzi, e portata sul grande schermo con successo da Enzo D’Alò alcuni anni fa.
Skype Me™!
Seo e web marketing in Liguria
burgman 650 experience
Agenzia della entrate