Stampa
02
Set
2008

ALLE CINQUE TERRE UNA BOA PER RACCOGLIERE IN MARE I RIFIUTI DEI DIPORTISTI

Pin It

Un contenitore galleggiante al largo di Vernazza per raccogliere direttamente in mare i rifiuti prodotti dalle unità da diporto, finalizzato alla conservazione delle superfici marine e alla tutela dei fragili equilibri costieri.
Le Cinque Terre stanno sperimentando con successo l’opera di Marlindo, la Boa raccogli – rifiuti che, operativa da circa un anno, lavora a pieno ritmo da inizio stagione. Il contenitore galleggiante al largo del porticciolo di Vernazza,  progettato per raccogliere direttamente in mare i rifiuti  prodotti a bordo delle unità da diporto, impegna ormai quotidianamente gli operatori dell'Area Marina Protetta nell'opera di svuotamento, condotta  attraverso l'impiego del battello spazzamare.
“Il gavone Marlindo sta riscuotendo successo fra i diportisti, viene utilizzato regolarmente e correttamente, - spiega Claudio Valerani, tecnico responsabile dell'Area Marina Protetta – fino ad oggi abbiamo raccolto 2 metri cubi di rifiuti. Possiamo quindi dirci soddisfatti dell'iniziativa che partita  in via sperimentale circa un anno fa, oggi è pienamente avviata, segno che in questi ultimi anni sono cresciute  l'attenzione e la sensibilità verso ambiente e salute del mare, avviandoci sempre più verso una nautica sostenibile”.
Marlindo, progettato e brevettato da due spezzini appassionati di mare, Corrado Ricci e Francesco Bucceri, è un contenitore  della capienza di 550 litri incassato su una piattaforma circolare di 1,80 m di diametro dalla quale è estraibile. Un coperchio, apribile attraverso una leva preserva i rifiuti dagli attacchi dei gabbiani e dal rischio di fuoriuscite. L'insieme, realizzato in polietilene è ancorato sul fondo e le dimensioni sono concepite per garantire la massima funzionalità sia nella fase di utilizzo da parte dei natanti, sia nella fase di recupero del contenitore estraibile per il trasferimento dei rifiuti a terra. Una luce crepuscolare, accendendosi all'imbrunire consente l'individuazione notturna della boa. Il servizio è gratuito.