Stampa
22
Mag
2008

ALL'OSPEDALE GASLINI IDENTIFICATA UNA POTENTE ATTIVITA' ANTITUMORALE DELL'INTEREUCHINA 12

Pin It

Una  importante  scoperta  scientifica è stata effettuata a Genova presso l’Istituto   G.  Gaslini,  dal  gruppo  della  dottoressa  Irma  Airoldi, responsabile  di una nuova unità indipendente di ricerca finanziata dall’  AIRC  (Start-up denominata Immunologia e Tumori) in collaborazione con il  prof.  Vito Pistoia, Direttore del Laboratorio di Oncologia dell’Istituto scientifico genovese. Lo studio, che è on- line sulla prestigiosa rivista internazionale Blood,
  è  stato  realizzato dalle dottoresse Irma Airoldi e Claudia Cocco, ed ha portato  all’identificazione  di IL-12 quale potente agente anti-tumorale  nel mieloma multiplo.

  L’interleuchina-12,  nota  agli  addetti  ai  lavori  come  IL-12,  è una citochina,  cioè  una  specie  di  “ormone”  prodotto dal corpo umano che regola la comunicazione tra cellule, ed è dotata di numerosi e importanti
  effetti sul sistema immunitario. Alcuni  anni  fa,  lo  stesso  gruppo  di ricerca aveva dimostrato che le   cellule  umane  produttrici  di  anticorpi (i linfociti B), possiedono il recettore  per  la  citochina  IL-12.  Tale  recettore  è   una specie di “interruttore”  che  si  accende  quando  viene  in contatto con la IL-12 attivando  le  funzioni cellulari. Questo “interruttore” è formato da due pezzi  distinti,  noti  come  1  e 2. Recentemente gli stessi ricercatori avevano  scoperto  che  un pezzo di questo interruttore, il  2, manca nei linfomi  e  leucemie  derivanti  dai  linfociti  B  (linfoma follicolare,mantellare  e marginale e leucemia linfatica cronica) favorendone così lo sviluppo.

   “Questo  studio-  commenta  Airoldi - dimostra per la prima volta che la citochina  IL-12 ostacola fortemente la crescita del mieloma multiplo, un tumore   ematologico   con   decorso  infausto.  Lo  studio  apre  quindi
  interessanti  prospettive  terapeutiche  per  il mieloma multiplo per cui  urgono  nuove  terapie”.   La  ricerca  è  stata  condotta sia su cellule tumorali isolate dai pazienti affetti da mieloma multiplo, sia su cellule tumorali  inoculate  in  topi  privi  di  difese  immunitarie  in modo da evidenziare  l’attività  diretta  sul  tumore da parte di IL-12. “Abbiamo  così  dimostrato,  commenta  il  prof. Vito Pistoia, che questa citochina  funziona  uccidendo  direttamente le cellule tumorali, ma anche riducendo la  formazione  di vasi sanguigni che servono per portare nutrimento alle cellule  stesse”.  Un  nuovo successo della ricerca dell’Istituto Gaslini sotto  l’abile regia del direttore scientifico, prof. Lorenzo Moretta, al  quale hanno contribuito altri gruppi italiani