Stampa
14
Gen
2010

GENOVA. ENTRO GIUGNO VIA ALLA SCUOLA DI FORMAZIONE PORTUALE

Pin It

Avrà forma consortile e nascerà a Genova entro il prossimo giugno la prima scuola di formazione portuale in Italia. Lo ha annunciato in Consiglio Provinciale il presidente Alessandro Repetto rispondendo alla richiesta di informazioni presentata da Alessandro Benzi e Gian Piero Pastorino (Prc) "a seguito dei tre incidenti mortali avvenuti negli ultimi due anni e degli innumerevoli incidenti che si verificano giornalmente nel porto" per conoscere lo stato di attuazione del protocollo d'intesa siglato in prefettura il 14 maggio 2007 da Regione, Provincia, Comune, Autorità Portuale, Asl 3 genovese, terminalisti e organizzazioni sindacali, e lo stato di fattibilità delprogetto di scuola di formazione portuale. "Al momento - ha detto Pastorino - sappiamo che il protocollo d'intesa non funziona e raccogliamo la proposta del console della Compagnia Unica Benvenuti perché l'arbitro sia l'ispettorato dell'Autorità Portuale che può averne le competenze e offrire disponibilità 24 ore su 24, diventando
strumento che consente un immediato intervento per dirimere i contenziosi sulla sicurezza, trovare le soluzioni e farle applicare. Esu questa posizione è d'accordo anche il presidente dell'Autorità Portuale Merlo e questo potere di controllo dev'essere conferito dalla nuova legge sulle autorità portuali in discussione in Parlamento."
Concorda Alessandro Repetto, che si è detto "favorevole alla tesi del presidente Merlo per configurare il coordinamento delle responsabilità nell'ambito dell'Autorità Portuale, che  come arbitro super partes
rappresenta l'unica autorità per tale compito." Riguardo alla scuola di formazione portuale la Provincia, ha detto il presidente "ha già preso contatti con molti enti di formazione e imprenditori e prima della fine dello scorso anno ho incontrato il console Benvenuti e il direttivo della Compagnia unica, che ha dato parere favorevole al progetto e per questo stiamo andando avanti. La scuola avrà forma consortile, sarà dedicata non solo alla sicurezza, ma a tutta la formazione in ambito portuale e l'obiettivo è che possa anche certificare le posizioni lavorative, mansioni e competenze. E' un traguardo molto complesso e difficile, ma entro il primo semestre del 2010 arriveremo a costituirlae sarà la prima in Italia."