Stampa
30
Gen
2010

GIORNO DELLA MEMORIA:"NON CHIAMARMI ZINGARO" PER GLI STUDENTI DEL LICETI, LEVI E ISTITUTO D'ARTE

Pin It

Genova. Vita, tradizioni e realtà quotidiana dei Rom e dei Sinti sui quali - etichettati come zingari - continuano a soffiare senza soste i venti della diffidenza, dell'intolleranza, del disprezzo e della paura. Nella loro dura e discriminata realtà ha viaggiato a lungo l'autore e regista teatrale Pino Petruzzelli che con il libro-indagine
"Non chiamarmi zingaro' e nello spettacolo teatrale che ne ha tratto presenta questi popoli da un altro punto di vista, il loro.
L'assessorato all'istruzione della Provincia di Genova, negli eventi per il Giorno della Memoria della Shoah, promuove la rappresentazione di "Non chiamarmi zingaro" in tre scuole superiori del territorio. Lo
spettacolo ideato e interpretato da Pino Petruzzelli, prodotto dal Centro teatro Ipotesi con il Teatro Stabile di Genova e Mittelfest sarà in scena - sempre con inizio alle 11 - martedì 2 febbraio all'istituto Liceti di Rapallo, mercoledì 3 al Primo Levi di Ronco Scrivia e giovedì 4 all'Istituto d'Arte di Chiavari, ricordando con lo sterminio di sei milioni ebrei nei lager nazisti anche quello di cinquecentomila Rom e Sinti vittime del medesimo terrificante abisso del male, alle cui radici ci sono razzismo, discriminazioni e intolleranze che la nostra società non ha ancora sconfitto.