Stampa
26
Mar
2010

IL VTE APRE LE PORTE AGLI STUDENTI CON IL GENOA PORT CENTER EL'AUTORITA' PORTUALE

Pin It

Genova.  Saranno due classi V dell'Istituto tecnico commerciale Casaregis-Einaudi a superare per prime domani pomeriggio, accompagnati
dal personale messo a disposizione dall'azienda, i varchi del Voltri Terminal Europa, nel programma di visite per le scuole  avviato dall'azienda in collaborazione con l'Autorità Portuale e il nuovo Genoa Port Center, primo molo virtuale delle conoscenze del Mediterraneo promosso da Provincia, Autorità Portuale, Capitaneria di Porto, Diem e Porto Antico con partner pubblici e privati per far conoscere tutto il porto e il suo lavoro al grande pubblico e agli studenti e presentare dal vivo la sua complessa e affascinante realtà in tutti i suoi aspetti attraverso tecnologie espositive innovative, L'iniziativa fa parte del progetto "Cittadini del porto"  con l'obiettivo di creare una intera generazione di giovani che abbiano avuto l'occasione nel corso dei loro studi di conoscere direttamente la realtà del porto di Genova. In particolare si vuole fare scoprire ai giovani la complessa organizzazione del terminal e le diverse professionalità che, grazie ad avanzate tecnologie operative, assicurano il traffico ogni giorno di migliaia di container e di tonnellate di merce, in arrivo e in partenza. L'iniziativa è la prima di una serie di attività di informazione e orientamento formativo
promossa dal Genoa Port Center, centro espositivo-educativo del porto di Genova, che riunisce tutti i soggetti pubblici e privati della portualità genovese. Il porto di Genova, per motivi di sicurezza e per il carattere extrafrontaliero della maggior parte delle sue zone non è accessibile, se non per gli addetti ai lavori e questo ha separato la vita della città da quella del porto, creando una barriera fisica e psicologica, per cui i genovesi spesso ignorano ciò che succede sulle vicine banchine, nonostante il porto resti la principale fonte di lavoro e di reddito della città.

S